MotoGp 2018, Gp di Aragon, dicharazioni di Rossi e Vinales dopo le prove libere.

E’ terminata la prima giornata del weekend di Aragon, dedicata alle prove libere.

Davanti a tutti il leader del mondiale Marquez, subito dietro di lui le due Ducati di Lorenzo e Dovizioso, rispettivamente seconde e terze. Male le due Yamaha di Rossi e Vinales che chiudono rispettivamente con il nono e decimo tempo.

Rossi nei momenti precedenti il gp di Misano.
Fonte: Twitter Rossi

Il pilota marchigiano ha amesso come si sarebbe aspettato d’incontrare delle difficoltà ad Aragon. In questo tracciato la moto fa più fatica rispetto a quanto fatto a Misano. Sapendo com’era andata a San Marino, qui si può considerare anche peggio.

La moto non è cambiata, i problemi sono identici a quelli avuti in precedenza. Si cercherà di lavorare sui dettagli, sperando che la pista migliori nel corso del fine settimana. Il clima caldo non è di certo un aiuto, al mattino si riesce ad andare meglio, ma la situazione è piuttosto critica. Dopo pochi giri si presentano parecchie difficoltà, soprattutto con la gomma posteriore.

Vinales nei box del circuito di Aragon.
Fonte: Twitter Vinales

Il compagno di squadra Vinales afferma come la moto sia esattamente la stessa di quella dei test, ma funziona in modo diverso. Si ripetono le stesse condizioni di San Marino, con la moto che risponde bene al sabato, mentre il giorno dopo cambia tutto.

Le sue sensazioni sono negative rispetto alla giornata di test. Pensa che siano completamente cambiate e bisogna capire cosa stia succedendo alla moto in questo momento. Lo scorso anno non erano affatto andati male.

Nei test le condizioni atmosferiche erano peggiori, ma sono andati ugualmente bene. Invece, il problema principale riguarda l’elettronica, la quale non ti aiuta molto e non  ti offre molta potenza quando non sia il giusto grip con la gomma posteriore. 

Lorenzo Carrega

Informazioni sull'autore
Giornalista Pubblicista. Esperienze in ambito giornalistico locale, non solo di sport, ma anche di cultura e tempo libero. La scrittura è la mia passione
Tutti i post di Lorenzo Carrega