Juventus, Allegri rinnova fino al 2018 il contratto

Allegri prolunga il suo contratto con la Juventus fino al 2018: il comunicato ufficiale

allegri rinnova con la juventus fino al 2018

Ci siamo, ora è davvero ufficiale: Massimiliano Allegri ha prolungato il suo contratto con la Juventus fino al 30 giugno 2018. Dopo tanta attesa ed una sana preoccupazione, per il tecnico toscano ed i tifosi è arrivata la fine di quella che avrebbe potuto essere una sorta di piccola telenovela fatta di posticipazioni e rimandi, fino ad oggi.

Non solo la durata, però, cambierà nel contratto che legherà l’ex tecnico Milan, Sassuolo e Cagliari al club bianconero: muteranno, al rialzo ovviamente, anche le cifre dell’accordo: 5 milioni netti a stagione per l’allenatore che ha portato la società di Corso Galileo Ferraris in finale di Champions League l’anno scorso, poi persa contro il Barcellona, ed al sesto scudetto consecutivo, fatto mai avvenuto in Serie A.

Questo il comunicato ufficiale apparso sul sito ufficiale della Juventus riguardante il rinnovo di Massimiliano Allegri:

Ha condotto la Juve a completare uno storico Quinquennio di vittorie, con due scudetti consecutivi uno più esaltante dell’altro, conditi da una Coppa Italia, una Supercoppa italiana e dalla certezza di essere tornata tra le big d’Europa. Ha capitalizzato il patrimonio d’esperienza del gruppo, lanciato i più giovani, ha fatto crescere tecnicamente e tatticamente ogni singolo elemento della rosa. Ha stregato i tifosi, che gli anno tributato il doveroso omaggio nell’ultima partita, riconoscendolo come il condottiero di una squadra fantastica. Ora, ha legato il suo nome alla Juventus per altri due anni: Massimiliano Allegri ha infatti posto la firma sul rinnovo del contratto sino al 30 giugno 2018.

Visibilmente soddisfatto anche il tecnico livornese, capace di valorizzare una rosa che alcuni consideravano logora dopo il trienno sotto la guida ferrea di Antonio Conte. Invece non è stato così, anzi, sono arrivate non solo conferme in Italia ma anche un certo blasone a livello europeo, con una finale conquistata ed un’impresa sfiorata anche quest’anno contro il Bayern Monaco di Guardiola.

Importante, inoltre, anche la sua capacità di gestire il gruppo, mai sopra le righe in conferenza stampa ed in allenamento, toni pacati e tanta tranquillità in un gruppo la cui ossatura è sempre più solida ed attorno alla quale ruota una serie di giovani interessanti ma da valorizzare, compito che Allegri è riuscito a svolgere: basti pensare a Rugani, praticamente mai utilizzato durante tutto il girone d’andata ed ora esploso con prestazioni all’altezza negli ultimi mesi. Oppure Dybala, che Allegri ha saputo aspettare fino a renderlo una vera e propria macchina di gol ed assist.

Insomma, un piccolo-grande capolavoro Max lo ha già fatto: la storia continua!

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€