MotoGp 2019 Gp del San Marino, dichiarazioni di Rossi e Vinales dopo la gara

Si è concluso il weekend del Gp di San Marino, con la gara sul circuito di Misano. Ancora Marquez a trionfare, ma dietro di lui le Yamaha hanno monopolizzato il podio e oltre, con Vinales terzo e Rossi quarto.

Dalla seconda alla quinta posizione tra moto ufficiali e non hanno dimostrato di aver ripreso il cammino della competitività. Non è ancora abbastanza per impensierire Marquez, ma è un buon passo in avanti. 

Valentino Rossi, durante un giro veloce a Misano.
Fonte: Facebook Rossi

Rossi, invece, è deluso di non essere riuscito a tenere il passo del suo compagno di squadra. I primi tre sono distanziati di un secondo circa, poi il vuoto, con il dottore a fare da capofila:

“Speravo di poter lottare per il podio, sarebbe stato bello davanti a questa gente, ma la gara è andata come aspettavo – dice Vale -. Forse mi aspettavo qualcosa più da Viñales e meno da Quartararo, ma loro erano più forti. Negli ultimi 3-4 giri il mio passo era buono e vicino ai primi, ma anche senza la Ktm che ho avuto davanti sarebbe stato difficile stare vicini a Maverick. Dalla ripresa del mondiale va meglio, ma questo è il nostro potenziale, le altre Yamaha riescono ad aprire il gas prima di me e scivolano di meno: è lì che devo crescere. Il 4° posto ci può stare, ma il distacco non va”

Vinales durante il gran premio di Misano, impegnato in una curva.
Fonte: Twitter Vinales

Il suo compagno di squadra Vinales è soddisfatto per il trend ultimo, per la prova in uqesto circuito di Misano. Anche se avrebbe potuto fare meglio, visto che era partito in prima posizione, ma poi si è fatto scavalcare da Quartaro prima, da Marquez poi:

 
 

 “Sono contento perché sono partito bene, era molto importante, poi però mi si chiudeva il davanti e non avevo un gran feeling, per questo non sono riuscito a spingere e ho perso contatto non riuscendo più a recuperare del tutto. Ho rischiato di cadere. Ciò che conta è essere costanti, essere sempre lì, dobbiamo lavorare sull’elettronica perché Quartararo era messo meglio, aveva più trazione ed accelerava meglio di me in uscita dalle curve. La pista era scivolosa e di solito su tracciati così fatichiamo molto, invece abbiamo raccolto un altro podio e di questo sono decisamente soddisfatto. Ora ad Aragon possiamo fare uno step un più su una pista che sulla carta ci si addice”.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Lorenzo Carrega

Informazioni sull'autore
Giornalista Pubblicista. Esperienze in ambito giornalistico locale, non solo di sport, ma anche di cultura e tempo libero. La scrittura è la mia passione
Tutti i post di Lorenzo Carrega