F1, la Renault R.S.17 nel mirino dei commissari

La Renault R.S.17 ha mostrato buone cose durante la prima quattro giorni di test di Barcellona. Jolyon Palmer, ieri, si è portato a pochi millesimi dalla Red Bull di Max Verstappen, a parità di mescole, cogliendo un pò tutti gli addetti ai lavori di sorpresa. Ma non tutto va per il verso giusto per il team di Enstone, finito sotto la lente d’ingrandimento dei commissari tecnici della Federazione Internazionale.

La R.S.17, con Palmer al volante (foto da: facebook.com/RenaultSportFormulaOneTeam)

Innanzitutto, la Renault si è vista vietare la soluzione adottata da Nick Chester per il mono pilone dell’ala posteriore che, sulla R.S.17, anzichè ancorarsi al profilo principale della stessa come da regolamento, và a collegarsi con il comando del DRS. I commissari, quindi, hanno dato tempo alla Renault di adeguarsi entro il Gran Premio d’Australia.

Nella giornata di ieri, inoltre, la vettura della Casa della Losanga è finita sotto i riflettori ancora per l’ala posteriore, che presentava il flap del DRS di dimensioni esagerate in altezza, chiaramente eccedente le misure consentite. Stavolta, però, sembra trattarsi solo di una soluzione provvisoria, per simulare particolari condizioni di carico, nulla di più.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

15€ Bonus Benvenuto Scommesse al Deposito

Fastbet

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo