Ufficiale: Pisa penalizzato di un punto

Giornata nera in casa Pisa. Come comunicato dalla stessa società toscana attraverso una nota ufficiale, la sezione disciplinare del Tribunale Federale Nazionale ha comminato al club un punto di penalizzazione da scontare durante il campionato di Serie B in corso.

La motivazione è il “non aver corrisposto, entro il 17 ottobre 2016, le ritenute Irpef e i contributi Inps relativi agli emolumenti dovuti ai propri tesserati, lavoratori dipendenti e collaboratori addetti al settore sportivo per le mensilità di luglio e agosto 2016 e comunque per non aver documentato alla Co.Vi.So.C., entro lo stesso termine, l’avvenuto pagamento delle ritenute Irpef e dei contributi Inps”.

Nello stesso procedimento è stata comminata anche un’inibizione di 3 mesi a Lorenzo Giorgio Petroni, all’epoca dei fatti Amministratore unico e legale rappresentante pro-tempore della società.

Una notizia che aggrava ulteriormente la stagione del Pisa, già profondamente impelagato nella lotta per non retrocedere. Dopo questo provvedimento i nerazzurri si trovano a 31 punti in classifica, a pari merito con il Brescia e con una sola lunghezza di vantaggio sulla zona playout, al momento occupata da Latina e Pro Vercelli. Insomma, non è tutto da rifare ma questa penalizzazione rischia di incidere parecchio sull’umore di un gruppo che aveva finalmente trovato una continuità di risultati per restare in cadetteria.