Ufficiale: Marotta della Juventus miglior dirigente d’Europa

Giuseppe Marotta è il miglior dirigente calcistico d’Europa in seguito alla assegnazione del premio, nella serata di ieri, del WFS Industry Awads per il Best Executive.

Nella manifestazione tenutasi al Teatro Goya di Madrid, tra le stelle del calcio ed i rappresentanti della alte cariche come FIFA e UEFA e dei principali club europei, Marotta ha ricevuto un premio di assoluto prestigio superando una agguerrita concorrenza.

Marotta, ds della Juventus.
(Fonte immagine: Twitter)

In lizza insieme a lui, per esempio, vi erano Jose Angel Sanchez, amministratore delegato del Real Madrid campione d’Europa, o ancora Ferran Soriano del Manchester City, ma a spuntarla è stato il dirigente bianconero.

La giuria ha infatti ritenuto che Marotta fosse stato il manager più capace, tenendo contro precisi indicatori per quanto concerne finanza, investimenti ed operazioni di mercato, a far sviluppare ulteriormente il club e ad ottenere così grandi risultati.

Si tratta della prima volta per un dirigente della Juventus di fronte ad un premio comunque prestigioso e contro una schiera di contenenti di primissimo livello, essendo coinvolti tutti i più importanti club calcistici europei.

Il premio va sicuramente a riempire ulteriormente il prestigio della Juventus, della sua dirigenza e di questi ultimi anni nei quali la squadra bianconera ha saputo conquistarsi, progressivamente, un posto tra le grandi d’Europa e di autentico dominio in Italia.

E chissà che sulla scelta finale della giuria del World Football Summit, non abbia inciso soprattutto l’arrivo di Cristiano Ronaldo, “il colpo del secolo” in estate, sicuramente, però, non si può dire che il riconoscimento non sia meritato. 

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

15€ Bonus Benvenuto Scommesse al Deposito

Fastbet

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Marco Pardini

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini