Tennis, WTA Montréal: avanzano Svitolina e Stephens, Halep supera Garcia

Il Premier 5 di Montréal, terzo appuntamento della stagione di questo livello, ha definito nella giornata di venerdì le sue semifinali, le quattro protagoniste che nel weekend combatteranno per la conquista del titolo.

La prima in ordine cronologico a strappare il pass per le semifinali è stata la ventiduenne australiana Ashleigh Barty che, nel primo match di giornata sul Campo Centrale, ha lasciato appena quattro giochi all’olandese Kiki Bertens che nel corso del torneo aveva sorpreso prima Pliskova e poi Kvitova.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale WTA Tour)

Sempre nella sessione diurna del torneo, è scesa in campo la campionessa in carica di New York Sloane Stephens che ha vinto e difeso la semifinale conquistata dodici mesi fa quando oltre la novecentesima posizione riuscì a raggiungere un traguardo così prestigioso.

Nei quarti la statunitense ha lasciato lo stesso numero di giochi, quattro, alla sua avversaria, la lettone Anastasia Sevastova raggiungendo così la terza semifinale stagionale dopo quelle ottenute e vinte a Miami e a Parigi.

Nella sessione serale del torneo, invece, successo per la numero uno del mondo Simona Halep, trionfatrice qui due anni fa, che ha sofferto solo per un set contro la francese Caroline Garcia.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale WTA Tour)

Nell’altra partita serale, avanza la campionessa uscente Elina Svitolina che rimonta uno svantaggio di 0-4 nel primo set e riesce comunque in due contro la belga Elina Svitolina volando in semifinale dove sarà attesa da una sfida di lusso contro Sloane Stephens.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

15€ Bonus Benvenuto Scommesse al Deposito

Fastbet

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Marco Pardini

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini