Tennis, Us Open 2020: ecco il tabellone femminile, tanti forfait, grande chance per molte

Sei delle prime dieci giocatrici del mondo non saranno presenti agli Us Open 2020, il secondo slam di una stagione davvero difficile da organizzare ma che ora scalpita per incoronare una grande regina.

Assenti di lusso, dalle prime due giocatrici del ranking WTA, Ashleigh Barty e Simona Halep, fino alla campionessa uscente Bianca Andreescu passando per due semifinaliste della passata edizione, Elina Svitolina e Belinda Bencic senza scordare Kiki Bertens che porta appunto a 6 il numero di top ten mancanti.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale WTA Tour)

Uno scenario così apre inevitabilmente una grande occasione per numerose delle partecipanti, dalle prime due favorite del seeding Karolina Pliskova e Sofia Kenin, la prima in cerca del tanto agognato successo in uno slam, l’altra, invece, di uno storico bis dopo la vittoria a Melbourne, fino a Serena Williams, neanche a dirlo ancora a caccia della storia, il 24esimo major.

Senza scordare la giapponese Naomi Osaka, già campionessa a New York nel 2018, così come a Melbourne nel 2019, dimostrando una volta di più la sua eccellente predisposizione alle superfici veloci, il cemento nello specifico.

Ma sotto i riflettori non possono non finire anche alcune ex campionesse slam che hanno dimostrato, nelle due settimane buone, di essere capaci di cose meravigliose, dalle regine del passato pronte a ripetersi nel presente come Victoria Azarenka, Kim Clijsters e Venus Williams, a quelle in cerca di riscatto come Sloane Stephens ed Angelique Kerber.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale WTA Tour)

Impossibile poi dimenticare giocatrici del calibro e del peso di Petra Kvitova e Garbine Muguruza, entrambe già due volte campionesse slam e con la seconda già protagonista, in questo 2020, agli Australian Open dove ha ritrovato una finale prestigiosa dopo più di due anni.

E come sempre occhi puntati sulle numerose giocatrici a stelle e strisce presenti nel tabellone, dalla finalista dell’edizione 2017 Madison Keys, alle più giovani Amanda Anisimova e Cori Gauff senza scordare Jennifer Brady, Jessica Pegula e Catherine Bellis, buone protagoniste negli eventi di preparazione allo slam.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale Palermo Ladies Open)

Per quanto riguarda le azzurre, sono decisamente meno le forze in gioco rispetto al tabellone maschile con le sole Camila Giorgi e Jasmine Paolini presenti nel main draw e con la prima impegnata all’esordio contro la belga Alison Van Uytvanck, nell’ottica di un bel secondo match contro Osaka, e la seconda, invece opposta all’ex top ten Caroline Garcia con premio in palio, la numero uno Pliskova.

Tra i match più interessanti nel primo turno, da citare, senz’altro, la sfida tra la giovane Gauff e la lettone Sevastova, semifinalista dell’edizione 2018, l’esordio di Clijsters, tre volte campionessa del torneo, contro la numero uno di Russia Alexandrova e ancora la sfida tra picchiatrici Sabelenka contro Dodin e quella quasi generazionale (16 anni di differenza) tra Muchova e Venus Williams.

Qui il LINK per il tabellone femminile completo dello Us Open 2020: https://www.usopen.org/en_US/draws/index.html?event=WS

Qui l’allineamento potenziale delle teste di serie negli ottavi di finale:

(1) PLISKOVA – (13) RISKE

(12) VONDROUSOVA – (8) MARTIC

(4) OSAKA – (14) KONTAVEIT

(11) RYBAKINA – KVITOVA

(7) KEYS – (10) MUGURUZA

(15) SAKKARI – (3) S.WILLIAMS

(5) SABALENKA – (9) KONTA

(16) MERTENS – (2) KENIN

Migliori Bookmakers AAMS

Sito scommesseCaratteristicheBonusVai al sito
Eurobet10€ Bonus Scommesse al DepositoBonus Scommesse fino a 215€ Vai al sito
SNAIBonus 15€ Gratis alla RegistrazioneBonus 100% fino a 300€ sul primo deposito Vai al sito
Starcasino ScommesseFino al 300% Bonus Multipla ScommesseBonus Fino a 1000€ Vai al sito

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini