Tennis, ATP: Sinner rimonta e vince, subito fuori invece Cecchinato

Anche il circuito maschile ATP dopo le cinque settimane di tennis su erba, torna ad ospitare alcuni eventi sulla terra rossa europea, occasione spesso per vedere impegnati anche tanti azzurri che storicamente hanno trovato soddisfazioni in questi appuntamenti.

A partire dal torneo croato di Umago, località molto vicina al suolo italiano che, ormai da anni, ospita le gesta dei tanti azzurri presenti in tabellone.

ATP UMAGO

Bella prova del giovanissimo classe 2001 Jannik Sinner, entrato nel tabellone principale in virtù di una wild card concessagli dagli organizzatori del torneo, che ha rimontato un set ed un break di svantaggio, ed ancora un break di svantaggio nel terzo, prima di avere la meglio sul portoghese Pedro Sousa.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale Federtennis)

Adesso per Sinner non ci sarà, purtroppo, il derby tutto azzurro contro il connazionale Marco Cecchinato perché il siciliano, campione uscente in Croazia, ha ceduto subito, in due set, per la settima volta in altrettanti scontri diretti, alo sloveno Aljaz Bedene.

Nel frattempo, centra l’accesso al tabellone principale superando anche l’ultimo ostacolo di qualificazione Salvatore Caruso che, in una partita equilibrata ed avvincente ha superato in rimonta lo spagnolo Tommy Robredo.

Oggi Caruso sfiderà il francese Corentin Moutet ma non sarà l’unico azzurro impegnato visto che, oltre a lui, scenderanno in campo Paolo Lorenzi, opposto al qualificato tedesco Peter Torebko, Stefano Travaglia e Thomas Fabbiano, questi ultimi l’uno contro l’altro in un bel derby per sfidare poi al secondo turno Fabio Fognini, prima testa di serie.

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Marco Pardini

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini