Superbike, Assen la Ducati perde 250 giri

La FIM ha aggiornato il regolamento per la quarta tappa della Superbike, ad Assen si avranno meno giri al minuto. L’attenzione sarà tutta rivolta alla Ducati, perché è stata proprio lei ad aver subito una riduzione, mentre l’unico team ad aver avuto un aumento è stata la Honda.

Superbike, Assen nuovo regolamento

A pochi giorni dall’inizio del quarto round della Superbike, ora è ufficiale, la FIM ha reso noto il nuovo aggiornamento del regime dei giri, se ne avranno molti di meno al minuto, per tutte le squadre che questo fine settimana scenderanno in pista. Come si stava già dicendo, la Ducati è il team che ha subito una riduzione, di ben 250 giri.

Superbike, il nuovo regolamento

Il regolamento della Superbike del 2019 prevede la revisione dei punti nella classifica delle concessioni ogni tre round, Ducati ha un totale di 20 punti, contro i 13 di Kawasaki, i punti vengono presi in considerazione solo dalla gara 1 e da gara 2. Per ottenere ulteriori concessioni ci devono essere solo 9 punti, ma come ora nessun team ha un distacco così minimo e quindi per ora nessuno otterrà un aumento in questo quarto round di Assen.

Superbike, la casa di Bordo Panigale

Come già annunciato, la Casa di Borgo Panigale nello storico circuito olandese subirà una riduzione, a seguito di una consultazione tra DWO e FIM. La Ducati Panigale V4R di Alvaro Bautista e Chaz Davies avrà 250 giri al minuto in meno, arrivando ad un massimo di 16.100 giri. Resta invariato il limite di Kawasaki che ne ha 14.600 come limite massimo, mentre la Honda sarà l’unica squadra con un aumento di 500 giri al minuto, la quale arriverà a un massimo di 15.050.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

15€ Bonus Benvenuto Scommesse al Deposito

Fastbet

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Carlo M.

Informazioni sull'autore
Responsabile editoriale, appassionato di Sport (Calcio - F1 - MotoGp)
Tutti i post di Carlo M.