Serie B, top e flop: Favilli fa tremare il Trapani, Verona bocciato in blocco

Ascoli-Trapani 2-2: i marchigiani dominano il primo tempo, lo chiudono sul 2-0 grazie alla doppietta di Favilli e fanno harakiri nella ripresa: Citro riapre la gara su rigore, Gatto si fa parare quello del possibile 3-1 e all’ultimo istante Manconi fa piangere i bianconeri. Tripudio per i siciliani e tanta amarezza per l’Ascoli. Migliori in campo Favilli (8) e Pigliacelli (7): la punta fa volare i suoi con una doppietta da attaccante di razza e combatte fino alla fine; il portiere, forse poco reattivo sul primo gol, diventa l’eroe di giornata con il rigore parato a Gatto e la successiva respinta sul tiro a botta sicura dello stesso attaccante. Malissimo proprio Gatto (4), che spreca tantissimo e sostanzialmente regala il punto agli avversari non chiudendo la gara su rigore. Disastroso anche Kresic (4), che marca male Favilli e colleziona falli ed errori nei passaggi.

Avellino-Verona 2-0: senza Pazzini è dura, ma il match odierno dei veronesi, spodestati anche dalla vetta in favore del Frosinone, è da dimenticare. Molli, mai cattivi, troppo rinunciatari e tanto altro. Benissimo l’Avellino, gagliardo e spietato, che vince con merito e si rilancia. Decidono Paghera su rigore e Verde. Ottima gara di Ardemagni (7): non segna, ma conquista il rigore e fa salire i suoi. Se tra gli irpini nessun giocatore ha meritato l’insufficienza, il contrario vale per gli scaligeri: tutti ampiamente insufficienti, in particolare Juanito Gomez (5), che ha sbagliato un gol fatto ed ha giocato con zero aggressività. Nessun voto dal 6 in poi per i giocatori veneti, dunque. Assegniamo, infine,agli imbecilli che hanno aggredito alcuni dirigenti del Verona prima della partita.

Benevento-Latina 2-1: gara dominata, ma vittoria sofferta. Un ossimoro che si spiega rivedendo gli highlights, nettamente favorevoli ai padroni di casa. Eppure sono gli ospiti a passare in vantaggio con una rete di Corvia su punizione; i campani subiscono il colpo, ma pian piano tornano quelli di sempre e pervengono al giusto pareggio con una bomba di Pezzi. Nella ripresa, Ciciretti regala una nuova perla delle sue, facendo esplodere il “Vigorito” e portando il Benevento a -2 dal secondo posto. Migliori in campo Ciciretti (7.5), per il gol da posizione quasi impossibile e la solita gara entusiasmante, e Corvia (6), che ha segnato il gol del momentaneo vantaggio e, pur uscendo a poco a poco dai radar, ha cercato di farsi valere. Male Di Matteo (5), in ombra e ingenuo; la sua espulsione spiana la strada al Benevento. Nessuna insufficienza tra i giallorossi.

Brescia-Pisa 1-1: Mannini su rigore e Caracciolo di fisico e tecnica realizzano le reti che decidono un match in cui i toscani avrebbero meritato di più. Migliori in campo con 7 il portiere Arcari e l’eclettico tuttofare Mannini: il primo compie 3-4 miracoli e impedisce al Pisa di vincere, mentre il secondo ci mette sempre il cuore, gioca in un ruolo non suo, segna a sfiora la doppietta. Male Peralta (4.5), praticamente assente, e Bonazzoli (5), mai pericoloso e ingenuo quando provoca il rigore.

Cesena-Bari 1-1: le reti di Floro Flores nel primo tempo e Ciano nel secondo determinano quello che è il risultato finale. Partita intensa, con un Bari sprecone ed un Cesena aggressivo. E sono proprio i goleador di giornata ad essere stati scelti come migliori in campo con 7, non solo per aver segnato, ma anche per essersi mantenuti costantemente pericolosi. Nessuno dei 22 in campo ha giocato male, per cui nessuna insufficienza.

Frosinone-Carpi 1-0: un gol del nuovo arrivato Terranova regala al Frosinone la vetta della classifica; Carpi in affanno e poco pericoloso. Bene Terranova (7), di nuovo in campo dopo tanti infortuni e subito decisivo, e Mbaye (6), combattivo a centrocampo. Male Mbakogu (5), mai pericoloso ed espulso nel finale. Nessuna insufficienza per i giallazzurri.

Novara-Cittadella 1-1: al gol di Galabinov risponde Iunco nel finale di gara. Una beffa per il Novara. Bene Galabinov (7) e Iunco (6.5), per i gol e per l’impegno profuso. Mezzo punto in meno a Iunco per aver cercato di farsi convalidare il gol di braccio fatto nel primo tempo. Maluccio Sansone (5.5), a cui è mancato il guizzo decisivo, e Chiaretti (5.5), poco incisivo.

Pro Vercelli-Spezia 0-2: Maggiore e Fabbrini fanno crollare il muro vercellese nella ripresa e regalano ai liguri tre punti di platino. Piemontesi troppo morbidi e sostanzialmente nulli, soprattutto dopo l’espulsione di Provedel. Benissimo Fabbrini (8), moto perpetuo che recupera palloni: il gol è il giusto premio. Bene anche Mammarella (6), autore di vari cross che nessuno sfrutta. Male Provedel (5), per l’inutile rosso che lascia i suoi in 10 in un momento delicatissimo. Nessuna insufficienza tra i calciatori spezzini.

Entella-Spal 0-3: quella che doveva essere una gara equilibrata diventa un massacro: i liguri, in 10 già dal 5° minuto del primo tempo, vengono travolti da una Spal ben messa in campo che chiude i conti in appena 17 minuti grazie ai gol di Floccari su rigore, Mora e Costa. Entella sconvolto e a volte sprecone, che ci prova senza crederci troppo. Migliori in campo Lazzari (7.5), devastante e autore di ben due assist, e Iacobucci (6), incolpevole sui gol subiti e bravo nell’evitarne molti altri. Peggiore in campo Baraye (4), la cui espulsione per fallo da ultimo uomo in area dopo 5 minuti è inevitabile e mette la gara in discesa per i ferraresi. Non ci sono peggiori in campo nella Spal, invece.

Ludovico Maiorana

Informazioni sull'autore
Sono Ludovico Maiorana, ho 33 anni, quasi 34, e sono di Barcellona Pozzo di Gotto. Sono laureato in Scienze Storiche e scrivo per Stadiosport.it.
Tutti i post di Ludovico Maiorana