Serie B, top e flop 23° giornata: Iacobucci disastroso, Ceravolo protagonista

Bari-Perugia 0-0: un Brignoli in gran spolvero permette al Perugia di uscire indenne dal “San Nicola” dopo un match comunque non bello. I pugliesi pagano la scarsa vena di Floro Flores. I migliori in campo sono Brienza e Brignoli (6.5 per entrambi): il primo predica nel deserto, rendendosi autore di tutte le giocate pericolose dei suoi, senza però ottenere gli esiti sperati; il portiere degli umbri salva il risultato con due parate decisive sullo stesso Brienza e su Floro Flores, peggiore in campo con 5.5 per via della sua scarsa pericolosità odierna. Male anche l’ex Guberti (5.5), mai in partita.

Ternana-Cittadella 1-0: un gran gol di Falletti regala ai rossoverdi tre punti di platino, fondamentali visti i risultati favorevoli sugli altri campi. Cittadella senza mezze misure, o vince o perde, ma non è più la squadra spietata vista a inizio campionato. Migliori in campo Valjent (7) e Salvi (6.5): uno è un muro invalicabile ed evita il pareggio all’ultimo secondo con un salvataggio sulla linea, l’altro difende alla perfezione la sua zona. Male Defendi (5.5), poco ispirato e impreciso, e Chiaretti (5), egoista e privo di mordente.

Novara-Pisa 1-1: beffa atroce per i piemontesi, passati in vantaggio con Casarini e raggiunti dal neo attaccante pisano Masucci all’ultimo secondo. Bene Troest e Masucci (7 per entrambi): il primo non sbaglia nulla dietro e il secondo cambia la partita non appena entrato in campo. Male Calderoni (5), espulso ingenuamente e fin lì autore di un match non da ricordare e Cani (5), mai in partita.

Vicenza-Spal 1-1: anche qui una beffa dolorosa, il Vicenza passa in vantaggio con Orlando, ma i ferraresi pareggiano al 96° con Floccari, al secondo centro in due partite con la sua nuova squadra. Migliori in campo proprio i marcatori del match con 7, anche se Floccari si è visto poco per tutta la gara, ma ha il merito di essere al posto giusto nel momento giusto. Orlando, invece, corona con la rete una gara ordinata e positiva. Peggiori in campo Zivkov (4.5), mal posizionato sul gol dopo una gara comunque non irresistibile e Mora (5.5), stranamente poco in palla.

Cesena-Ascoli 2-2: i romagnoli giocano meglio, ma vengono raggiunti per due volte dal dischetto. Davvero una gara storta per i bianconeri di casa, passati in vantaggio per due volta con Renzetti e Rigione e altrettante volte raggiunti dai rigori di Gatto e Perez. Bene Rigione e Gatto (6.5), il primo per il gol e la buona prova difensiva e il secondo per il rigore ben tirato e la corsa costante. Male Cascione e Giorgi (5.5): il primo gioca fuori ruolo, al centro della difesa, tiene bene ma poi si perde; il secondo è opaco e non trascina i suoi.

Avellino-Entella 2-2: altra gara incerta e piena di emozioni il cui risultato viene stabilito nel finale. Al vantaggio irpino siglato da Lasik rispondono Catellani, appena arrivato, e Troiano, ma nel finale Moretti ripristina la parità. Migliori in campo Moretti e Troiano (6.5 per tutti e due), per i gol e le prove generose ed efficienti. Malissimo Iacobucci (4), che sbaglia un rinvio con le mani permettendo a Lasik di beffarlo con un pallonetto, e maluccio Verde (5.5), oggi poco pericoloso.

Pro Vercelli-Trapani 1-3: seconda vittoria di fila per i siciliani, che rosicchiano altri punti alle concorrenti e si candidano alla salvezza. Piemontesi in vantaggio con La Mantia, ma Pagliarulo, Barillà e Jallow rimettono sui giusti binari il match. Migliori in campo Emanuello e Pagliarulo (6.5), costantemente pericoloso il primo e perfetto dietro il secondo, con tanto di gol fondamentale. Male Comi e Kresic (5): l’attaccante di casa sbaglia il gol del pari e provoca la ripartenza sulla quale il Trapani sigla il 3-1 finale; il difensore dei granata è troppo morbido e non difende come dovrebbe.

Benevento-Carpi 3-0: il big match di giornata si conclude con la netta vittoria dei padroni di casa, aggressivi e vogliosi sin dall’inizio. Due gol di Ceravolo e il graffio finale di Falco mandano i campani al quarto posto in solitaria. Male il Carpi, praticamente mai in partita. Benissimo Ceravolo (8), autore di una doppietta e sempre sul pezzo con tanto lavoro sporco, e bene Bianco (6.5), pericoloso e sostanzioso, l’unico veramente positivo per gli emiliani. Male Letizia (5), invisibile. Nessun giocatore insufficiente tra i beneventani.

 

Ludovico Maiorana

Informazioni sull'autore
Sono Ludovico Maiorana, ho 33 anni, quasi 34, e sono di Barcellona Pozzo di Gotto. Sono laureato in Scienze Storiche e scrivo per Stadiosport.it.
Tutti i post di Ludovico Maiorana