Roma-Sassuolo 4-2, voti e pagelle: sempre più propositiva e bella, con ancora qualche amnesia

La Roma sta sempre più imparando ad esprimere le volontà del suo tecnico. Fonseca chiede squadra corta in pochi metri del campo, un pressing molto offensivo e compatto. La vittoria per 4-2 contro il Sassuolo espone pregi e difetti della formazione giallorossa. 
Lorenzo Pellegrini, il migliore in campo questa sera nella sfida vinta contro il Sassuolo
Fonte: Twitter As Roma

In questa nuova concezione di gioco, perché più spinta rispetto a Di Francesco, un giocatore che ha senza dubbio beneficiato dei brillanti insegnamenti del mister portoghese è stato senza dubbio Lorenzo Pellegrini. Il centrocampista romano, classe 1993, è stato autore di una prestazione brillante, coronata da tre assist che hanno mandato in rete tre diversi interpreti.  

Il primo è stato Cristante, il suo vecchio compagno di reparto rimasto più indietro, mentre il talento romano è scalato in posizione più avanzata ed ha fatto vedere tutte le sue qualità. Cross, precisione negli assist, visione di gioco importante, una prestazione che lo fa slaire nelle gerarchie della squadra giallorossa. Questa sera era presente in tutte le manovre offensive, ogni giocata è passata necessariamente tra i suoi piedi.

Dzeko-Kolarov, la coppia balcanica non poteva mancare a questa festa del gol, con un asse perfetta che ha portato al 2-0. Poi con i migliori contropiedi sono andati a segno Mkhitaryan e Kluivert, con preziosi assist sempre di Pellegrini. Nel primo caso un rasoterra semplice indirizzato nell’angolo sinistro, nel secondo un lancio lungo e millimetrico per il giovane attaccante olandese. Non è finita qui, perché il giovane romano è stato protagonista anche di un’azione solitaria terminata con il palo colpito a Consigli nettamente battuto. 

Per gli ospiti c’è stato il tempo per vedere giocate d’altri tempi di Berardi. Il calciatore italiano è da diverso tempo che non lo vedevamo segnare con una splendida punizione calciata dal limite dell’area e poi dopo una veloce triangolazione con i compagni con un piatto morbido sulla sinistra del portiere Lopez.

Fazio-Mancini è ancora la coppia di titolari, mentre il nuovo arrivato Smalling dovrà farsi trovare pronto per il tour de force che attende la squadra prima della sosta. 

Florenzi è stata l’altra solita spina nel fianco per la difesa neroverde, mentre Veretout si è visto ancora poco. Il giocatore francese ha bisogno di abituarsi al ruolo di mediano, a fianco di Cristante.

I MIGLIORI

Pellegrini 7,5: davvero una minaccia per la difesa neroverde. Corsa, visione di gioco, abilità palla al piede, tiro dalla distanza. Questa sera si è visto il repertorio completo di questo centrocampista veramente valido.

Mkhitaryan 6,5: alla sua prima partita, subito buttato nella mischia, titolare. Nessuna preoccupazione, si abitua subito ai movimenti dei compagni e realizza anche la sua prima rete in Serie A. Tecnica e visione di gioco che saranno utilissime nel proseguo della stagione. 

Dzeko 7: una garanzia per il suo rendimento sempre prezioso alla squadra.  Non a caso era cercato da un tecnico come Conte, visto che ha osservato in lui doti di servizio alla squadra, oltre che quelle di grande finalizzatore. Quantità e qualità, un bel mix, sempre piacevole da osservare.

I PEGGIORI

Veretout 5,5:  nella linea mediana non riesce ad essere incisivo, sbaglia spesso i tempi d’intervento e non riesce a dettare il gioco come converrebbe. Il tecnico dovrà studiare una nuova sistemazione per lui.

Lopez 6: Non ha potuto far nulla sulla punizione di Berardi, ma sulla sua seconda conclusione un po’ di responsabilità sono anche sue. Sono passati i tempi in cui c’era un certo Alisson a proteggere i pali.

Mancini 6: Sempre in difficoltà nelle marcature, tanto che le cose migliori le ha fatte vedere in avanti. Ha preso un palo con un colpo di testa, ma dietro non ha ancora compreso bene come muoversi.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Lorenzo Carrega

Informazioni sull'autore
Giornalista Pubblicista. Esperienze in ambito giornalistico locale, non solo di sport, ma anche di cultura e tempo libero. La scrittura è la mia passione
Tutti i post di Lorenzo Carrega