Roma-Juventus, Allegri: “Prossima settimana incontro Agnelli, voglio restare. Ho già in mente una nuova Juve”

Il tecnico ha presentato la sfida di domani contro la Roma.

Domani alle ore 20:30 allo Stadio Olimpico va in scena una classica del nostro calcio, ovvero la sfida tra Roma JuventusCon lo scudetto conquistato, per la Juve si tratta di una partita dove fare vari esperimenti in vista della prossima stagione, mentre i punti in palio sono pesantissimi per la Roma che vuole continuare a giocarsi la qualificazione alla prossima Champions League. I giallorossi dovranno approfittare della condizione mentale dei bianconeri che sicuramente non saranno concentrati al massimo, ma la partita resta complicata.

Questa mattina, alla Continassa, Allegri si è presentato in sala stampa per presentare la partita dell’Olimpico, ma l’attenzione di tutti è andata inesorabilmente sul suo futuro. Sapendo quel che lo aspettava, il tecnico livornese ha subito messo le cose in chiaro, affermando come incontrerà Agnelli la prossima settimana per parlare del futuro della squadra e suo. Allegri ha ribadito ancora una volta come il suo volere sia quello di restare alla Juventus, affermando di divertirsi quando si fanno tanti nomi: ” Mi fa divertire per un motivo. Pensa se in questi anni non fossi riuscito a portare a casa qualche trofeo, mi bruciavano o mi impalavano da qualche parte? Ormai sono abituato e mi diverto, ma fa parte del gioco. Giusto così, un po’ di movimento, altrimenti della Juve c’è da parlare ben poco. Ora in settimana ci vediamo con il presidente e parleremo a 360° come ogni anno. Anche perché io al presidente prima del ritorno con l’Ajax avevo comunicato che sarei rimasto, poi dobbiamo incontrarci e parlare di tutto. Poi giustamente voi la infiocchettate e la aggiustate”

In questi ultimi giorni si è molto discusso su quale sarà la Juventus del futuro, se ci saranno altri arrivi importanti o delle cessioni eccellenti. Con il campionato già vinto, Allegri sta già pensando alla Juventus che verrà ed ha affermato come lui abbia già in mente una nuova Juve: “Io ho in mente da sei mesi queste cose. Non ve lo posso dire, prima ne parlo col presidente, poi se siamo d’accordo ne parleremo. Poi ci sarà da pensare alle robe tecniche, ma io le cose le ho sempre ben chiare, ma prima, sei mesi prima, non l’ultimo giorno” ha chiosato, parlando poi della partita contro la Roma e della festa scudetto contro l’Atalanta “Domani comunque abbiamo una bella partita con la Roma, è una bella partita, dobbiamo giocarla al meglio e poi avremo una bella partita con l’Atalanta, una bella festa, che si godrà sia chi è allo stadio che chi è a casa. Sarà una cosa diversa e bella da vedere”. Per la sfida di domani, Allegri ha fatto sapere che sono disponibili Bentancur, Dybala, Emre Can ed Alex Sandro.

Il tecnico bianconero non ha voluto sbilanciarsi sul proprio futuro, visto che non c’è ancora stato il tanto atteso incontro con Agnelli, ma ha affermato come lui senta fiducia da parte della società bianconera che è una società forte e vogliosa di successi: “Io col presidente ho un ottimo rapporto, siamo diretti, c’è stima reciproca e sincerità, come con tutti gli altri componenti della società, da Paratici a Nedved fino a Marotta finché c’è stato. Per arrivare a ottenere grandi risultati la società è la cosa più importante, senza difficilmente arrivi a grandi risultati. Puoi avere grandi allenatori, grandi giocatori, ma se non c’è la società che sorregge tutto questo difficilmente arrivi a grandi risultati“.

 

 

Danilo Servadei

Informazioni sull'autore
Laureando in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Giornalista pubblicista con la passione per il calcio estero e l'amore per quello giapponese e asiatico
Tutti i post di Danilo Servadei