NBA Playoff 2019, Recap 18 Maggio: Green e Curry guidano Golden State al 3-0

I Golden State Warriors, con una prova di forza di rara bellezza, espugnano il Moda Center in Gara-3, vanno sul 3-0 ai danni dei Portland Trail Blazers e ad una sola vittoria dalle quinte NBA Finals consecutive. Una partita, come Gara-2, a due facce per Golden State, che soffre nel primo tempo, per poi recuperare alla grande nella ripresa, piazzando un 57-33 nel secondo tempo, trascinati da un Draymond Green semplicemente impressionante (tripla-doppia da 20+13 rimbalzi e 12 assist, con anche 4 rubate) e dal solito Stephen Curry (36+6 rimbalzi). Nei Blazers non bastano Damian Lillard (19+6 rimbalzi e 6 assist) e CJ McCollum (23+5 assist), nel complesso però annullati dalla difesa ospite (12/38 dal campo, 5/19 da tre).

Un Draymond Green pazzesco (tripla-doppia da 20+13 rimbalzi e 12 assist), insieme al solito Stephen Curry (36+6 rimbalzi), guida Golden State al 3-0 ai danni di Portland (foto da: youtube.com)

Il primo quarto si apre con due triple dei padroni di casa da parte di Lillard e McCollum; Golden State ci mette un pò a carburare, soprattutto in difesa, con Damian Jones, a sorpresa in quintetto, che commette 3 falli in 3′. I Blazers caricano di falli gli avversari e vanno spessissimo in lunetta (10/13 nel primo quarto, 16/22 a fine primo tempo) e, dopo 5’38” di gioco, un Meyers Leonard subito in partita firma il +9 (8-17). L’avvio della squadra di coach Stotts è molto positivo ma, nel finale di quarto, il duo Curry-Livingston riporta sotto gli ospiti, sotto solo di due al 12′ (27-29).

Come due notti fa, il secondo quarto, quello che Kerr apre sempre con almeno 4/5 del quintetto composto dalla second unit, è quello di maggior difficoltà per i Campioni in carica, che comunicano male in difesa, sbagliano una gran mole di tiri e vengono ripetutamente puniti dagli avversari (Leonard in particolare). Capita così che, nonostante il duo Lillard-McCollum fatichi ad entrare nel match, Portland si porti sul +18 grazie a Seth Curry che, prima ruba palla al fratello Steph e poi piazza la tripla in transizione (42-60). Il Moda Center è una bolgia, Steve Kerr è furente; Golden State resta aggrappata alla partita grazie ad alcune giocate di Curry e soprattutto di Green, che si sbatte tantissimo per svegliare i suoi. Alla pausa lunga, i Blazers conducono di 13 lunghezze (53-66). Da segnalare anche un Iguodala che, senza motivo apparente, lascia il campo poco dopo la metà del parziale, tornando negli spogliatoi, tornerà in campo nel terzo quarto, ma verrà usato per soli 18′.

Nel terzo quarto, come in Gara-2, ci si attende la reazione dei Campioni. Questa, però, inizialmente tarda ad arrivare, dato che Portland, con una tripla di un Leonard davvero efficace, tocca il +14 (59-73 con 8’08” da giocare); non ci sono le fiammate solite dei Warriors, che però risalgono grazie alla difesa, che con il passare dei minuti comincia a soffocare l’attacco avversario, e a tanta pazienza in attacco, cominciando a punire sistematicamente ogni minimo errore della squadra di coach Stotts. Ecco così che arriva il 18-5 che porta al canestro del sorpasso di un Looney sempre meno sorpresa (77-76 a 1’54” dall’ultima pausa). Portland prova a scuotersi con Turner, ma il periodo finisce con 5 punti di Curry, per l’82-79 Warriors al 36′. Un quarto finito sul 29-13 per i californiani.

Warriors che completano l’opera nel quarto conclusivo. Coach Kerr non recede dalle sue idee, e anche in avvio di quarto periodo spazio alle riserve, con il solo Thompson dei titolari sul parquet. A differenza che nel secondo quarto, stavolta la second unit di Golden State risulta molto utile, su entrambi i lati del campo: dopo una bomba di Collins e un canestro di Thompson, arrivano infatti 4 punti in fila di Cook e un bel canestro dalla media di Jerebko, per il +8 Warriors (90-82 a 7’26” dalla fine). Portland prova a rispondere con McCollum, ma l’insospettabile McKinnie, in campo nella fase topica del match, piazza la bomba del +10 (95-85 e 5’34” sul cronometro). Entra in ritmo anche Curry (11 nel periodo, 21 nel secondo tempo) e, con un Green devastante, per i Blazers è notte fonda. Il canestro della staffa lo mette Looney che, a 2’12” dal termine, schiaccia il +11 (106-95). Il match si chiude sul 110-99 per Golden State.

Di seguito, il resoconto della notte:

WESTERN CONFERENCE FINALS

GOLDEN STATE WARRIORS @ PORTLAND TRAIL BLAZERS 110-99 (3-0)

*Tra parentesi, la situazione della serie.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo