NBA Playoff 2018, Recap 29 aprile: James e Harden fanno volare Cavaliers e Rockets

Serata importante, quella scorsa, nei Playoff NBA. Alla Quicken Loans Arena, Cleveland Cavaliers ed Indiana Pacers hanno completato il quadro del primo turno, in una sfida da dentro o fuori che ha visto un solo grande protagonista, ovvero LeBron James. Rispettando le aspettative, il #23 ha preso sulle spalle squadra e tifosi, portandoli alla vittoria nella serie con l’ennesima prestazione da libro dei record (45+9 rimbalzi+7 assist e 4 rubate, con 16/25 dal campo) e mantenendo l’imbattibilità personale in carriera al primo turno di Playoff.

Trascinati dal solito, sontuoso LeBron James (45+9 reb+7 ast e 4 stl), i Cleveland Cavaliers hanno sconfitto gli Indiana Pacers in Gara-7, qualificandosi per le Semifinali di Conference (foto da: youtube.com)

Cleveland parte forte (19-31 al 12′) e, dopo un primo tentativo di rientro ospite (31-35 a 6’24” dalla pausa lunga), chiude il primo tempo sul 43-54. LeBron James, dopo i primi due quarti, è già a quota 26, con un pazzesco 11/13 dal campo. I Pacers, però, non hanno intenzione di fare da sparring partner e cominciano il secondo tempo con un break di 18-4, che li porta in vantaggio per la prima volta (61-58 con 6’38” da giocare nel periodo). La partita diventa un duello punto a punto e, al 36′, i padroni di casa conducono 74-76, con un fenomenale The King autore del 50% dei punti della sua squadra (38 in tre quarti).

Il momento decisivo arriva nella prima metà di quarto periodo, quando Cleveland piazza un 5-15 di parziale, che vale il +12 (79-91 a 7’35” dal termine). Indiana prova ancora una volta a reagire, risalendo la china fino al -4 (96-100 con 50.1″ sul cronometro). Nel finale, però, i Cavs mantengono il sangue freddo e portano a casa vittoria e serie per 101-105, regalandosi i Toronto Raptors al prossimo turno. Oltre a James, spicca per Cleveland un redivivo Tristan Thompson (15+10 rimbalzi). Ai Pacers, invece, non sono bastati Oladipo (30+12 rimbalzi e 6 assist) e Collison (23).

Ad Ovest, dopo la netta vittoria di Golden State su New Orleans, è partita anche l’altra Semifinale di Conference, tra Houston Rockets e Utah Jazz. Al Toyota Center, i favoriti texani hanno messo sul parquet una prova di forza davvero niente male, non lasciando scampo almeno in questo primo atto agli avversari. I Rockets ammazzano la sfida già nel primo tempo, dove l’equilibrio dura appena 5′. Il primo periodo si conclude sul +13 per la franchigia allenata da Mike D’Antoni (21-34), che poi allunga sul +27 (37-64 con 1’14” da giocare nel secondo periodo). Alla pausa lunga, Houston comanda 39-64.

Grazie al solito James Harden (41+8 reb e 7 ast), gli Houston Rockets hanno aperto la serie contro gli Utah Jazz con una netta affermazione (foto da: youtube.com)

Nella ripresa, per quanto si sforzino, i Jazz raggiungono come obiettivo solo il rendere il passivo meno pesante. I padroni di casa, infatti, gestiscono la situazione in assoluta tranquillità, terminando il terzo quarto sul +18 (68-86) e la partita sul +14 (96-110). MVP di serata, manco a dirlo, è stato James Harden (41+8 rimbalzi e 7 assist), supportato dai fidi Paul (17+6 assist e 4 rubate) e Capela (16+12 rimbalzi). Nei Jazz, i migliori sono stati Mitchell e Crowder (21 a referto per entrambi).

Di seguito, il riepilogo della notte:

WESTERN CONFERENCE SEMI-FINALS

UTAH JAZZ @ HOUSTON ROCKETS 96-110 (0-1)

EASTERN CONFERENCE FIRST ROUND

INDIANA PACERS @ CLEVELAND CAVALIERS 101-105 (3-4)**

*Tra parentesi, la situazione delle varie serie.

**Cleveland si qualifica per le Semifinali di Conference.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo