NBA 2018/19, Recap 31 Gennaio: colpaccio Sixers alla Oracle Arena. LeBron torna e riporta alla vittoria i Lakers. Bene Bucks, Spurs, Magic e Pistons

Sei partite nella notte NBA. Spiccano in particolare le vittorie di Philadelphia 76ers, Milwaukee Bucks e Los Angeles Lakers. La squadra di coach Brown, trascinata da Embiid (26+20 rimbalzi e 5 assist), Simmons (26+8 rimbalzi e 6 assist), si toglie lo sfizio di espugnare la Oracle Arena di Oakland, imponendo lo stop ai Golden State Warriors, reduci da 11 vittorie consecutive. Ai californiani, che perdono l’inerzia del match nel terzo quarto (42-26 il parziale ospite), non basta un ottimo Curry (41+6 assist e 10/18 da tre) e Durant (25).

LeBron James è tornato a giocare stanotte, nel derby di Los Angeles contro i Clippers, trascinando subito i Lakers alla vittoria, arrivata dopo un overtime (foto da: youtube.com)

Alla Scotiabank Arena, grande vittoria per i Milwaukee Bucks, che sconfiggono a domicilio i Toronto Raptors nell’incrocio tra le prime due squadre della Eastern Conference. Ospiti quasi sempre avanti, operando un allungo poderoso nel terzo quarto (78-54 a 6’16” dalla fine del terzo periodo), tenendo poi botta al ritorno dei padroni di casa. Sette i giocatori in doppia cifra nella compagine di coach Budenholzer, con Antetokounmpo (19+9 rimbalzi+5 assist e 4 rubate) e Middleton (18+6 rimbalzi) in evidenza. Ai Raptors non è sufficiente la prova di Siakam (28 e 12/19 dal campo), con Leonard non al suo meglio (16+8 rimbalzi con 7/20 al tiro).

Allo Staples Center, nel derby tra Los Angeles Lakers e Los Angeles Clippers, si verifica il ritorno sul parquet dopo 17 partite d’assenza di LeBron James. In una partita conclusasi dopo un overtime, con i Lakers a sprecare un +14 ad inizio quarto periodo (89-75) per poi aggiudicarsi la W nel finale dell’extra-time, l’impatto del Re è stato subito importante (24 con 9/22 dal campo, 14 rimbalzi e 9 assist), supportato da Stephenson (20) e da Ingram (19). Nei Clippers, invece, il migliore è stato Louis Williams (24+6 assist). Vittoria sofferta all’AT&T Center di San Antonio per gli Spurs di coach Popovich, ai danni dei Brooklyn Nets. Texani trascinati dal career-high di Derrick White (26+6 assist), coadiuvato da Aldridge (20+13 rimbalzi) e da Mills (17); 8 punti per Belinelli. Ai sempre combattivi Nets non bastano Russell (25+9 assist e 5 rimbalzi), Carroll (18+5 rimbalzi) e Harris (18).

Quarto ko consecutivo per gli Indiana Pacers, che cadono all’Amway Center di Orlando per mano dei Magic. Una vittoria, quella della squadra di coach Clifford, maturata nel finale e firmata da Ross (30) ed Augustin (20); negli ospiti, i migliori sono Turner (27+7 rimbalzi) e Bogdanovic (21). Infine, alla Little Caesars Arena di Detroit, i Pistons sconfiggono i Dallas Mavericks al termine di un match molto tirato. Spiccano Drummond (24+20 rimbalzi) e Griffin (24+10 rimbalzi e 6 assist) per i padroni di casa; negli ospiti, privi non solo dei tre spediti a New York nella trade che porterà Porzingis a Dallas (ovvero Jordan, Smith Jr. e Matthews), ma anche di Doncic, non basta Barnes (27+7 rimbalzi).

Di seguito, il resoconto della notte:

DALLAS MAVERICKS (23-28) @ DETROIT PISTONS (22-28) 89-93

INDIANA PACERS (32-19) @ ORLANDO MAGIC (21-31) 100-107

MILWAUKEE BUCKS (37-13) @ TORONTO RAPTORS (37-16) 105-92

BROOKLYN NETS (28-25) @ SAN ANTONIO SPURS (31-22) 114-117

PHILADELPHIA 76ERS (34-18) @ GOLDEN STATE WARRIORS (36-15) 113-104

LOS ANGELES LAKERS (27-25) @ LOS ANGELES CLIPPERS (28-24) 123-120 OT

*Tra parentesi, i record delle varie squadre.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo