NBA 2018/19, Recap 3 Gennaio: Harden zittisce la Oracle Arena. Spurs travolgenti sui Raptors. Bene i Nuggets

La notte NBA (tre le sfide in tabellone) sorride alle squadre texane, in primis gli Houston Rockets, corsari in rimonta e dopo un overtime sul parquet della Oracle Arena, casa dei Golden State Warriors. L’avvio è complicato per i ragazzi di coach D’Antoni, che soffrono degli Warriors nella loro versione migliore, capaci di chiudere sul +17 a fine primo tempo (53-70). Nella ripresa, complice un rilassamento precoce dei padroni di casa, i Rockets rientrano prepotentemente in partita, fino ad impattarla sul 119-119. Si va quindi all’overtime; dopo vari cambi di leadership, a deciderla è l’uomo più in forma del momento in NBA, James Harden (tripla doppia da 44+15 assist e 10 rimbalzi), con la bomba della vittoria ad 1″ dalla fine. Ottimo anche Capela nei Rockets (29+21 rimbalzi). A Golden State non bastano Curry (35+6 assist), Durant (26+7 rimbalzi) e Thompson (26).

Il game-winner con cui James Harden (44+15 assist e 10 rimbalzi), all’overtime e con 1″ dalla fine, manda al tappeto i Golden State Warriors (foto da: youtube.com)

Sfida degli ex all’AT&T Center di San Antonio, dove Kawhi Leonard e DeMar DeRozan affrontavano il loro passato. La partita ha avuto ben poca storia, con gli Spurs già sul +19 a fine primo quarto (19-38), per poi controllare agevolmente per tutto il resto del match una reazione dei Toronto Raptors che non è mai arrivata. In evidenza proprio DeRozan, alla prima tripla doppia in carriera (21+14 rimbalzi ed 11 assist), con Aldridge top-scorer (23); bene anche Forbes e White (rispettivamente 20 e 19 punti a referto). Leonard (21+5 assist) è il meno peggio per i canadesi.

Al Golden 1 Center di Sacramento, infine, i Denver Nuggets la spuntano sui Kings e consolidano il 1° posto ad Ovest. Il primo quarto è equilibrato (30-30 al 12′), con Sacramento che prova a scappare nella seconda frazione, arrivando fino al +15 (51-66 ad 1’20” dalla pausa lunga). Gli ospiti, però, rispondono prontamente, piazzando un 22-8 di parziale (73-74 a 5’18” dall’ultimo intervallo), per poi chiudere in parità il terzo periodo (84-84). Quindi, i Nuggets allungano sul +10 con 5’56” da giocare (100-90), respingendo poi ogni tentativo di rientro dei padroni di casa. Murray (36+7 rimbalzi e 6 assist) e Jokic (26+13 rimbalzi e 6 assist) spingono alla vittoria Denver; Hield (29) è il migliore nei californiani.

Di seguito, il riepilogo della notte:

TORONTO RAPTORS (28-12) @ SAN ANTONIO SPURS (22-17) 107-125

DENVER NUGGETS (25-11) @ SACRAMENTO KINGS (19-19) 117-113

HOUSTON ROCKETS (22-15) @ GOLDEN STATE WARRIORS (25-14) 135-134 OT

*Tra parentesi, i record delle varie squadre.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

15€ Bonus Benvenuto Scommesse al Deposito

Fastbet

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo