NBA 2018/19, Recap 2 Febbraio: sorrisi per Warriors, Bucks, Nuggets, Rockets e Spurs

Notte NBA particolarmente succulenta per gli appassionati, con ben dodici partite e 24 squadre in campo. Cominciamo il nostro viaggio giornaliero dalla franchigia che al momento vanta il miglior record in assoluto, ovvero i Milwaukee Bucks, corsari alla Capital One Arena di Washington contro i Wizards, in un match praticamente già segnato all’intervallo lungo (73-50 al 24′). In evidenza ovviamente Antetokounmpo (37+10 rimbalzi e 17/17 ai liberi), coadiuvato da Lopez (21+6 rimbalzi) e da Middleton (20+7 rimbalzi e 6 assist); per i locali, i migliori risultano essere Beal (24) e Jeff Green (20).

La 26.esima partita consecutiva da almeno 30 punti di James Harden consente ai Rockets di travolgere a domicilio i Jazz (foto da: youtube.com)

Proseguono a braccetto, in vetta alla Western Conference, Golden State Warriors e Denver Nuggets. I campioni in carica soffrono ma alla fine battono i Los Angeles Lakers, che hanno tenuto a riposo LeBron James. Gli angeleni (Ingram il migliore (20)), dopo un primo tempo ad inseguire, passano avanti nel terzo quarto (81-71 a 6’05” dall’ultima pausa); poi, poco dopo (5’28” da giocare nella terza frazione), un’impressionante poster di Cousins (18+10 rimbalzi) su Kuzma accende i padroni di casa, che piazzano un 10-30 che chiude i conti. Top-scorer Thompson (28+5 rimbalzi), aiutato da Durant (21+11 assist e 5 rimbalzi) in una serata no per Curry (14, 5/15 dal campo e 2/9 da tre). I Nuggets, a loro volta, sudano le cosiddette sette camicie per espugnare il Target Center di Minneapolis, con una vittoria di misura sui Minnesota Timberwolves firmata Beasley (22), Barton (20) e Jokic (13+16 rimbalzi e 10 assist). Towns (31+12 rimbalzi e 7 assist) non basta ai Twolves.

Serata positiva per le tre franchigie texane in NBA. Gli Houston Rockets, guidati dal solito Harden (43+12 rimbalzi+5 assist+6 rubate e 4 stoppate), supportato da un ottimo Gerald Green (25), asfaltano a domicilio gli Utah Jazz (si salva Mitchell (26+9 assist e 6 rimbalzi), alla Vivint Smart Home Arena di Salt Lake City. I San Antonio Spurs, all’AT&T Center, battono i New Orleans Pelicans grazie al trio composto da Aldridge (25+14 rimbalzi), Gay (17+8 rimbalzi) e Belinelli (17 e 7/10 al tiro). Gli ospiti, al centro dell’attenzione mediatica per il caso Davis, hanno avuto nel 20enne Frank Jackson il migliore in campo (25). Infine, alla Quicken Loans Arena di Cleveland, i Dallas Mavericks hanno ragione dei Cavaliers, trascinati da un Doncic che non smette di stupire (35+11 rimbalzi e 6 assist, 6° giocatore dal 2000 a toccar quota 1.000 punti in carriera prima dei 20 anni). Clarkson (19) è il top-scorer nei Cavs.

Per la corsa agli ultimi posti Playoff ad Ovest, non giungono buone nuove per i Lakers. Vanno registrate infatti le vittorie di Los Angeles Clippers e Sacramento Kings. La squadra di coach Rivers, di scena alla Little Caesars Arena di Detroit contro i Pistons dell’ex Griffin, volano grazie ad un maestoso Williams in uscita dalla panchina (39+9 assist, con 16 punti di fila nel quarto conclusivo); Jackson (29+7 assist), Griffin (24+11 rimbalzi e 6 assist) e Bullock (19) non evitano la sconfitta alla formazione di coach Casey. I Kings riescono ad avere la meglio sui Philadelphia 76ers, battuti al Golden 1 Center grazie alla prestazione di Hield (34+6 rimbalzi), supportato da Cauley-Stein (19+9 rimbalzi) e da Fox (19+8 assist). Agli ospiti non sono abbastanza Embiid (29+17 rimbalzi e 4 stoppate), Butler (29+7 assist) e Simmons (22+8 rimbalzi).

Ritrovano la W gli Indiana Pacers, che espugnano l’American Airlines Arena di Miami. Contro gli Heat, decisivi Bogdanovic (31+7 rimbalzi) e Collison (20+6 assist); il sempreverde Wade (21+6 rimbalzi) spicca nei floridiani. Sempre in Florida, però all’Amway Center di Orlando, seconda battuta d’arresto consecutiva per i Brooklyn Nets, sconfitti dai Magic di un Vucevic sempre in forma (24+12 rimbalzi); Russell (23+6 assist) il migliore per la formazione di coach Atkinson. Ancora, vittoria importante per gli Charlotte Hornets, a segno allo Spectrum Center ai danni dei Chicago Bulls con un Kemba Walker in gran serata (37+10 assist e 6 rimbalzi). Portis (33+9 rimbalzi) e Markkanen (30+9 rimbalzi) non bastano ai Bulls. Infine, alla Talking Stick Resort Arena di Phoenix, Collins (35+16 rimbalzi) e Young (27+8 assist e 7 rimbalzi, quinta partita di fila con 23+ punti e 8+ assist) sospingono alla vittoria gli Atlanta Hawks. Niente da fare per i Suns, alla 10° sconfitta di fila nonostante Booker (32+10 assist e 8 rimbalzi), Josh Jackson (25) e Bridges (20).

Di seguito, il resoconto della notte:

LOS ANGELES CLIPPERS (29-24) @ DETROIT PISTONS (22-29) 111-101

CHICAGO BULLS (12-41) @ CHARLOTTE HORNETS (26-26) 118-125

BROOKLYN NETS (28-26) @ ORLANDO MAGIC (22-31) 89-102

MILWAUKEE BUCKS (38-13) @ WASHINGTON WIZARDS (22-30) 131-115

DALLAS MAVERICKS (24-28) @ CLEVELAND CAVALIERS (11-42) 111-98

INDIANA PACERS (33-19) @ MIAMI HEAT (24-27) 95-88

NEW ORLEANS PELICANS (23-30) @ SAN ANTONIO SPURS (32-22) 108-113

LOS ANGELES LAKERS (27-26) @ GOLDEN STATE WARRIORS (37-15) 101-115

DENVER NUGGETS (37-15) @ MINNESOTA TIMBERWOLVES (25-27) 107-106

ATLANTA HAWKS (17-35) @ PHOENIX SUNS (11-43) 118-112

HOUSTON ROCKETS (30-22) @ UTAH JAZZ (30-24) 125-98

PHILADELPHIA 76ERS (34-19) @ SACRAMENTO KINGS (27-25) 108-115

*Tra parentesi, i record delle varie squadre.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo