NBA 2018/19, Recap 13 Febbraio: Warriors sconfitti a Portland. Bene Bucks, Nuggets e Raptors

Notte NBA ricca di azione, con ben undici partite in tabellone. Cominciamo la nostra carrellata dal Moda Center di Portland, dove i Trail Blazers hanno fermato la corsa dei Golden State Warriors, travolti nel quarto periodo. La sfida è equilibrata fino a 8’42” dalla fine, quando Klay Thompson mette i liberi del -1 Warriors (101-102); da lì in poi, grazie a Lillard (29+8 assist), è un monologo dei padroni di casa, che chiudono la pratica con un break di 6-27. Gli ospiti, tra l’altro, escono definitivamente dal match quando, con 3’54” da giocare, in seguito ad un discusso flagrant-1 fischiato a Draymond Green, coach Kerr perde completamente le staffe, inveendo contro gli arbitri e venendo espulso. Per Golden State, inutili Curry (32+7 reb) e Durant (32), unici in doppia cifra.

Grazie ad una super prestazione di Pascal Siakam (44+10 rimbalzi), i Toronto Raptors battono i Washington Wizards e tengono il passo dei Milwaukee Bucks nella corsa al miglior record della Lega (foto da: youtube.com)

Restando ad Ovest, vittoria sofferta per i Denver Nuggets al Pepsi Center contro i Sacramento Kings. I padroni di casa inseguono a lungo gli ospiti, avanti anche di 17 a metà secondo quarto; nel finale, dopo un +6 Nuggets prontamente ricucito dagli ospiti (118-118 con 15″ da giocare), a risolverla è un tap-in di Jokic quasi sulla sirena. Il serbo mette a referto una tripla-doppia (20+18 rimbalzi ed 11 assist), supportato da Millsap (25+13 rimbalzi) e da Beasley (21); per gli ospiti, bene Hield (25+5 rimbalzi) e Barnes (19+11 rimbalzi). Ad Est, continua la corsa a due per il primo posto tra Milwaukee Bucks e Toronto Raptors, entrambe vincitrici. Con un super Antetokounmpo (33+19 rimbalzi ed 11 assist), i Bucks violano la Bankers Life Fielhouse di Indianapolis, battendo i Pacers (Bogdanovic il migliore (20+6 rimbalzi), reduci da 6 vittorie consecutive.

I canadesi, invece, regolano alla Scotiabank Arena i Washington Wizards, sospinti da un fantastico Siakam (44+10 rimbalzi e 3 stoppate), coadiuvato da Anunoby (22+5 rimbalzi dalla panchina) e da un quintetto titolare che, pur senza Leonard, va tutto in doppia cifra. I vari Beal (28+11 assist), Jeff Green (23+7 rimbalzi), Parker (22+9 rimbalzi) e Ariza (19+8 rimbalzi e 6 assist) non evitano la sconfitta ai Capitolini. Sorridono anche Boston Celtics e Philadelphia 76ers. Al TD Garden, i ragazzi di coach Stevens battono i Detroit Pistons con il contributo decisivo in particolare di Tatum (19), Hayward (18+8 assist e 5 rimbalzi) e Horford (17+14 rimbalzi ed 8 assist). Griffin (32+8 rimbalzi e 5 assist), Drummond (21+17 rimbalzi e 4 rubate) e Jackson (18) non sono sufficienti per la squadra di coach Casey. Tutto facile per i Sixers, corsari al Madison Square Garden di New York contro dei Knicks alla 18° sconfitta di fila. Spiccano Embiid (26+14 rimbalzi) e Harris (25+6 rimbalzi) negli ospiti; Trier (19) è il top-scorer per i newyorkesi.

Ko per gli Houston Rockets, sconfitti al Target Center dai Minnesota Timberwolves. Padroni di casa che la girano a proprio favore nella ripresa (53-69 nei secondi 24′), trascinati da Teague (27+12 assist) e da Towns (25+9 rimbalzi e 5 assist). Harden tiene aperta la striscia di partite da 30+ punti, giunta a 31 (pareggiata la seconda miglior striscia di sempre di Chamberlain), ma non basta (42+6 assist e 5 rimbalzi). Partita clamorosa alla Quicken Loans Arena di Cleveland, dove i Brooklyn Nets la spuntano sui Cavaliers dopo addirittura 3 overtime. Dopo che i primi 48′ si sono chiusi sul 108-108, nel primo overtime è Sexton ad imporre ancora la parità (118-118) con un layup a 2.8″ dalla sirena. Nel secondo extra-time, invece, è una tripla a tempo scaduto di Carroll a salvare i Nets (128-128 dopo 58′ di gioco). Nel terzo overtime, infine, gli ospiti dominano (20-9) e portano a casa la W. In evidenza Russell (36+8 rimbalzi e 7 assist) e Joe Harris (25) per i Nets; Clarkson (42+8 rimbalzi e 5 assist), Sexton (24+6 rimbalzi e 5 assist) e Chriss (23+7 rimbalzi) nei Cavs.

In chiave Playoff, importanti le vittorie di Miami Heat e Los Angeles Clippers. I floridiani espugnano l’American Airlines Center di Dallas, sconfiggendo i Mavericks grazie a Wade (22) e a Waiters (20); Hardaway Jr. (20) e Doncic (18+12 rimbalzi e 9 assist, ma 5/17 al tiro) non bastano ai texani. La squadra di coach Rivers, a sua volta, non ha difficoltà nell’abbattere i Phoenix Suns (15° ko di seguito) allo Staples Center, con Williams (30+10 assist), Gallinari (20+6 rimbalzi) e Harrell (19+5 rimbalzi) sugli scudi. Oubre Jr. (28+5 rimbalzi) e Ayton (20+8 rimbalzi) si salvano nei Suns. Con questi risultati, Miami aggancia nuovamente l’8° posto a Est, pari merito con Detroit; i Clippers, invece, portano ad una partita il vantaggio su Sacramento e a 3 quelle sui Lakers. Infine, allo United Center di Chicago, vittoria per i Bulls ai danni dei Memphis Grizzlies. Gran partita per Otto Porter Jr. (37+10 rimbalzi), supportato da Lopez (25+5 rimbalzi) e Markkanen (21+10 rimbalzi e 6 assist); Bradley (15+5 assist) è stato il migliore nei Grizzlies.

Di seguito, il riepilogo della notte:

BROOKLYN NETS (30-29) @ CLEVELAND CAVALIERS (12-46) 148-139 3OT

MILWAUKEE BUCKS (43-14) @ INDIANA PACERS (38-20) 106-97

DETROIT PISTONS (26-30) @ BOSTON CELTICS (37-21) 110-118

PHILADELPHIA 76ERS (37-21) @ NEW YORK KNICKS (10-47) 126-111

WASHINGTON WIZARDS (24-34) @ TORONTO RAPTORS (43-16) 120-129

MEMPHIS GRIZZLIES (23-36) @ CHICAGO BULLS (14-44) 110-122

HOUSTON ROCKETS (33-24) @ MINNESOTA TIMBERWOLVES (27-30) 111-121

MIAMI HEAT (26-30) @ DALLAS MAVERICKS (26-31) 112-101

SACRAMENTO KINGS (30-27) @ DENVER NUGGETS (39-18) 118-120

GOLDEN STATE WARRIORS (41-16) @ PORTLAND TRAIL BLAZERS (34-23) 107-129

PHOENIX SUNS (11-48) @ LOS ANGELES CLIPPERS (32-27) 107-134

*Tra parentesi, i record delle varie squadre.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

15€ Bonus Benvenuto Scommesse al Deposito

Fastbet

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo