NBA 2017/18, recap 3 Febbraio: Houston asfalta Cleveland. Ko Golden State e San Antonio

Tanto da dire sulle partite di stanotte, nove per la precisione. A partire dall’ennesima figuraccia in diretta nazionale dei Cleveland Cavaliers, rullati a domicilio dagli Houston Rockets, che si confermano la squadra più in forma del momento. Una partita segnata sin dal primo tempo, visto il 65-39 a fine primo tempo. Sugli scudi, per la squadra di coach D’Antoni, Paul (22+11 assist ed 8 rimbalzi) ed Anderson (21+8 rimbalzi), in una serata dove Harden non ha brillato granché (16+9 assist e 6 rimbalzi, con 5/16 al tiro, 1/11 da tre). Nella disastrosa serata dei Cavs (la dirigenza ha confermato coach Lue) non si salva nemmeno LeBron James (11+9 rimbalzi e 9 assist, con 3/10 al tiro).

James Harden affronta nel pitturato la difesa dei Cavs. I suoi Rockets hanno dominato a Cleveland (foto da: gazetaesportiva.com)

Non attraversano un momento semplicissimo nemmeno i Golden State Warriors che, al Pepsi Center di Denver, incappano nella seconda sconfitta nelle ultime tre, per mano dei Denver Nuggets. Nel post-partita con Sacramento della notte precedente, coach Kerr aveva parlato di squadra stremata soprattutto psicologicamente; a Denver, i suoi sono crollati nel quarto periodo (25-38 il parziale per i locali), subendo un 4-11 negli ultimi 3′. Barton (25) e Jokic (19+9 rimbalzi) trascinano la squadra di Mile High City; Durant (31+7 assist e 6 rimbalzi) e Curry (24+6 rimbalzi) non bastano ai californiani. Un’altra squadra in ottima forma sono gli Utah Jazz, che battono in trasferta i San Antonio Spurs e centrano la loro 5° W di fila. All’AT&T Center, senza Mitchell (messo ko dall’influenza), è un ispiratissimo Rubio a prendersi la scena (34+9 assist), supportato da O’Neale (18); Aldridge (31) non evita il ko a San Antonio.

Approfittano del ko degli Spurs i Minnesota Timberwolves, che al Target Center battono i New Orleans Pelicans. Butler (30+8 rimbalzi e 7 assist) e Towns (22+16 rimbalzi) vanificano un’altra gran prova di Davis (38+9 rimbalzi) e il buon debutto di Mirotic (18+12 rimbalzi e 4 rubate), portandosi a mezza partita dai texani di coach Popovich. Oltre ai Nuggets, NOLA deve guardarsi le spalle anche dai Los Angeles Clippers che, sospinti dal trio Gallinari (24+9 rimbalzi)-Harris (24)-Williams (21+6 assist), battono allo Staples i Chicago Bulls (LaVine il migliore (21+9 rimbalzi)) e restano ad una partita dall’8° posto.

Passando ad Est, importanti sono le vittorie colte da Washington Wizards e da Indiana Pacers, che accorciano sui Cavs. I Capitolini, come da pronostico, non hanno particolari difficoltà nell’espugnare l’Amway Center di Orlando, sulla scia delle prestazioni di Porter Jr (20), Satoransky (19+6 assist) e Beal (18+8 rimbalzi ed altrettanti assist). Nei Magic, Simmons ed Hezonja, con 15 punti a testa a referto, sono i top-scorers. Indiana, dal canto suo, la spunta alla BankersLife Fieldhouse sui Philadelphia 76ers, grazie al solito Oladipo (19+9 rimbalzi) e a Bogdanovic (19). Agli ospiti non basta un Embiid (24+10 rimbalzi) che, per la prima volta in carriera, ha giocato due partite in back-to-back.

Fondamentale, sempre in ottica Playoff, è la vittoria ottenuta dai Detroit Pistons ai danni dei Miami Heat (3° ko di seguito). Alla Little Caesars Arena, i ragazzi di Van Gundy ottengono la terza vittoria di fila, grazie a Smith (25+7 assist) e a Drummond (23+20 rimbalzi); Dragic (33+6 assist) ed Olynyk (19+8 rimbalzi) non son sufficienti agli ospiti. L’unica sfida senza affanni di classifica si è disputata al Golden 1 Center di Sacramento, dove i Kings sono stati sconfitti dai Dallas Mavericks. I texani la portano a casa con un quarto periodo da 25-14 di parziale, sospinti da Barnes (18), Powell (17+9 rimbalzi) e Nowitzki (15+7 rimbalzi). Temple e Fox (15 a testa a referto) i migliori per i californiani.

Di seguito, il riepilogo della notte NBA:

CHICAGO BULLS (18-34) @ LOS ANGELES CLIPPERS (26-25) 103-113

PHILADELPHIA 76ERS (25-25) @ INDIANA PACERS(30-24) 92-100

MIAMI HEAT (29-24) @ DETROIT PISTONS (25-26) 107-111

WASHINGTON WIZARDS (30-22) @ ORLANDO MAGIC (15-36) 115-98

HOUSTON ROCKETS (38-13) @ CLEVELAND CAVALIERS (30-21) 120-88

UTAH JAZZ (24-28) @ SAN ANTONIO SPURS (34-21) 120-111

NEW ORLEANS PELICANS (28-24) @ MINNESOTA TIMBERWOLVES (34-22) 107-118

GOLDEN STATE WARRIORS (41-12) @ DENVER NUGGETS (28-25) 108-115

DALLAS MAVERICKS (17-36) @ SACRAMENTO KINGS (16-36) 106-99

*Tra parentesi, i record delle varie squadre.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo