NBA 2017/18, recap 14 Gennaio: volano Heat e Twolves. Davis domina al MSG

Quattro partite nella domenica sera, 14 Gennaio 2018, della NBA. Prosegue senza intoppi la marcia di Miami Heat e Minnesota Timberwolves, entrambe quarte nelle rispettive Conference. All’AmericanAirlines Arena, i ragazzi di coach Spoelstra (7° W di fila, 12-3 nelle ultime 15) allungano nel terzo quarto (16-30 il parziale), trovando poi in due triple di Goran Dragic (25) i canestri che chiudono la partita. Antetokounmpo (22+6 rimbalzi) non è sufficiente agli ospiti, adesso 8° ad Est. Vittoria in scioltezza (5° consecutiva) per Minnesota che, al Target Center, abbatte i Portland Trail Blazers con un secondo quarto da 10-26, per poi toccare il +26 a 5’10” dalla conclusione. Sugli scudi Butler (24), Teague (22+8 assist) e Towns (20+11 rimbalzi). Per i Blazers, i migliori sono Lillard (21+8 assist e 6 rimbalzi), McCollum (18) e Connaughton (18).

Un Anthony Davis da 48 punti e 17 rimbalzi trascina i Pelicans ad una vittoria in rimonta e all’overtime in casa dei Knicks (foto da: headlinesportsnews.com)

Importante successo esterno per i New Orleans Pelicans, corsari al Madison Square Garden di New York dopo un overtime. Una partita, in realtà, non facile da interpretare, con i Knicks avanti praticamente per tutto il tempo, toccando un massimo vantaggio di +19 ad 1’22” dalla fine del terzo quarto (77-96). Padroni di casa fin lì molto più concreti ed ordinati degli avversari, ma che gettano via tutto nel finale. Presi per mano da un sontuoso Anthony Davis (48+17 rimbalzi e 4 rubate), supportato nel momento decisivo da Holiday (31) e da un Cousins che, in difficoltà al tiro (4/16), da un’inaspettata mano in difesa (15+16 rimbalzi e 7 rubate il suo bottino totale), i Pelicans impattano a 3″ dalla sirena sul 109-109, portando il match ai supplementari. Qui, dopo due triple di Hardaway Jr. (25) e di Porzingis (25+6 rimbalzi), NOLA mette la freccia con un break di 7-2, culminato in un magnifico canestro in step-back quasi dalla linea di fondo di Davis in faccia al lettone (120-117 ad 1’07” dalla fine). Dalla lunetta, infine, i Pelicans la chiudono. Per New York, da segnalare anche le prove di Jack (22+8 assist) e di Kanter (18+10 rimbalzi).

Infine, tutto facile per gli Indiana Pacers, che espugnano la Talking Stick Resort Arena di Phoenix, casa dei Suns. Gli ospiti partono bene (30-16 il primo quarto) e, dopo aver toccato il +25 a 2’23” dall’intervallo lungo (59-34), archiviano la pratica nel terzo quarto, quando il vantaggio dei Pacers raggiunge anche i 33 punti (92-59 ad 1’55” a fine terzo quarto). In evidenza Collison (19) ed Oladipo (17), mentre nei Suns si salva Jackson (21+6 rimbalzi).

Di seguito, il riepilogo delle sfide della notte:

MILWAUKEE BUCKS (22-20) @ MIAMI HEAT (25-17) 79-97

NEW ORLEANS PELICANS (22-20) @ NEW YORK KNICKS (19-24) 123-118 OT

INDIANA PACERS (23-20) @ PHOENIX SUNS (16-28) 120-97

PORTLAND TRAIL BLAZERS (22-21) @ MINNESOTA TIMBERWOLVES (29-16) 103-120

*Tra parentesi, i record delle varie squadre.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo