NBA 2016/17, Young punisce OKC. Bulls ko a Denver. Ok Pelicans e Knicks

Sono state quattro le sfide andate in scena nella notte NBA. Allo Staples Center di Los Angeles, i Lakers ricevevano i Thunder. I padroni di casa vanno una prima volta in fuga nel primo quarto, concluso sul 16-29; OKC reagisce, fino a portarsi avanti in avvio di terzo periodo. I ragazzi di coach Walton, però, su spinta del duo Clarkson-Mozgov (18 e 16 a referto), scappano via nuovamente, portandosi sul +14 a metà ultimo quarto (83-97). I Thunder non mollano e, trascinati dal solito Westbrook (34+13 assist e 8 rimbalzi) e da Adams (20+6 rimbalzi), operano il sorpasso con quattro punti in fila del centro neozelandese (109-108 a 13″ dalla fine). Non è finita: a stendere gli ospiti ci pensa Nick Young (17), con una bomba a 5″ dalla sirena. Il seguente tentativo di risposta di RW si spegne contro il tabellone.

Nick Young, con una bomba a pochi secondi dalla fine, ha regalato la vittoria ai Lakers contro i Thunder (foto da: pba-online-net)

Al Pepsi Center di Denver, invece, si sono fronteggiati Nuggets e Bulls. Dopo un primo periodo che ha visto gli ospiti portarsi fino al +14 (31-17), la partita è andata avanti di sorpassi e contro-sorpassi, risolvendosi negli istanti finali. Gallinari (15+5 rimbalzi) mette la tripla del 101-105 a 1’39” dalla fine; poco dopo, Mudiay fa fallo da tre punti sul top scorer di serata, Jimmy Butler (35+8 rimbalzi e 5 assist), che mette tutti i liberi e, con la bomba successiva, fissa il punteggio sul 107 pari a 56″ dal termine. A 9″ dalla sirena, Will Barton porta i Nuggets sul 107-109 con due liberi; il successivo errore da tre di Canaan con 4″ sul cronometro consegna la vittoria a Denver. Molto bene Jamal Murray (24+6 rimbalzi); nei Bulls ok anche Wade (22).

Knicks e Blazers, dal canto loro, si sono ritrovati di fronte al Garden Di New York. Anche in questo caso, dopo un incontro sempre sul filo dell’equilibrio, la contesa si è risolta in volata. Negli ultimi due minuti e mezzo, per la precisione. A partire dalla bomba di Kuzminskas, che regala a New York il +4 (101-105); due liberi di Lillard (22+6 assist e 5 rimbalzi) riportano sotto Portland (103-105 a 1’22” dalla conclusione). Le due squadre faticano a trovare il canestro, ma a risolvere il tutto ci pensa Derrick Rose (18), con un’invenzione dalla media a 6″ dalla sirena. Gran protagonista del match Porzingis (31+9 rimbalzi). Molto meno aperta la sfida della Philips Arena di Atlanta, dove i Pelicans si confermano in crescita, espugnando il parquet degli Hawks. Dopo un primo quarto concluso sul +20 (34-14), New Orleans ha controllato la reazione dei padroni di casa, portando a casa la W. Brividi per Anthony Davis, che ha lasciato il campo nei minuti finali della prima frazione, dopo esser finito in tribuna per recuperare un pallone. Una ferita poco sopra il ginocchio per lui, che è comunque tornato nel quarto periodo. A trascinare i Pelicans, allora, ci ha pensato Frazier (21+14 assist). Negli Hawks, i meno peggio sono stati Schroeder (14+7 assist) e Korver (14).

Il canestro della staffa di Derrick Rose contro Portland

https://youtu.be/3xJKsf8V-CE

Di seguito, il riepilogo dei risultati della notte:

PORTLAND TRAIL BLAZERS (8-8) @ NEW YORK KNICKS (7-7) 103-107

NEW ORLEANS PELICANS (5-10) @ ATLANTA HAWKS (9-5) 112-94

CHICAGO BULLS (9-6) @ DENVER NUGGETS (6-8) 107-110

OKLAHOMA CITY THUNDER (8-7) @ LOS ANGELES LAKERS (8-7) 109-111

*Tra parentesi, i record delle varie squadre. 

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo