Napoli, Meret sta diventando un caso?

Lo scarso utilizzo che Gattuso sta facendo di Alex Meret potrebbe far scoppiare un vero e proprio caso dalle parti di Castel Volturno. Il numero 1 azzurro infatti sembra ormai esser diventato la seconda scelta nelle gerarchie del tecnico calabrese che sta mettendo quindi a serio rischio la partecipazione al prossimo Europeo dell’ex Spal e Udinese.

Titolare inamovibile con Ancelotti e stesso ruolo conservato anche agli inizi con Gattuso, poi le panchine, una dopo l’altra; Alex Meret ora non è più il portiere titolare del Napoli e queste continue esclusioni iniziano a far sorgere dei dubbi.

Come mai il numero 1 azzurro ha perso la titolarità? Come mai Gattuso non ripone più fiducia nel giovane ragazzo di Udine? La risposta a queste domande è tuttora un mistero. Non riusciamo a spiegarci infatti come possa il tecnico calabrese non fare affidamento su un portiere sì giovane, ma dalle indiscusse qualità tecniche.

Alex Meret in allenamento con il Napoli

Qualche infortunio c’è stato, è vero, così come anche eccellenti prestazioni da parte di Ospina, ciononostante, l’ex Spal e Udinese continua ad essere messo in panca dal suo allenatore che sembra, almeno per adesso, aver perduto appunto ogni forma di fiducia nei confronti dell’estremo difensore friulano.

Lo scarso utilizzo che Gattuso sta riservando a Meret potrebbe, inoltre, compromettere la partecipazione del classe ’97 ai prossimi Europei. Infatti, se i primi due posti sono, salvo infortuni dell’ultimo momento, riservati a Donnarumma e Sirigu, c’è un posto, come terzo portiere, ancora da riempire.

I contendenti, ora come ora, sono tre: Gollini, Silvestri e Meret appunto. Ma se le esclusioni del numero 1 azzurro dovessero persistere ancora, allora è molto probabile che il ruolo di terzo portiere dell’Italia, ai prossimi Europei, vada ad uno dei primi due. Come evolverà quindi la situazione ancora non lo sappiamo, possiamo solo aspettare e vedere

Nicola Patrissi

Informazioni sull'autore
"Non è tanto chi sei, quanto quello che fai che ti qualifica". Giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Basilicata. Laureato in Lettere Moderne. Amo la scrittura, la fotografia e il calcio.
Tutti i post di Nicola Patrissi