MotoGP, niente test di Phillip Island per Tito Rabat

Il team Marc VDS scenderà in pista per i test di Phillip Island, Australia (in programma da domani, 15 Febbraio, fino a venerdì 17), con il solo Jack Miller. Tito Rabat, infatti, non ha ancora recuperato dall’infortunio patito a Sepang, a causa del quale ha subito una frattura del radio del quinto metacarpo della mano destra e una frattura della falange distale del piede destro, oltre ad una profonda lacerazione al ginocchio sinistro.

Tito Rabat, durante l’ultima sessione di test a Sepang (foto da: titorabat.com)

Proprio quest’ultimo problema impedirà al 27enne di Barcellona di scendere in pista domani. A darne l’annuncio è stato Michael Bartholemy, team principal del Marc VDS: “Tito ha lavorato duramente per essere in forma per i test di Phillip Island, dopo aver subito delle lesioni molto debilitanti in Malesia. Purtroppo, mentre le fratture sono guarite bene e non gli avrebbero impedito di guidare in Australia, l’infortunio al ginocchio è una storia completamente diversa. Nonostante una fisioterapia intensiva, non ha ancora l’estensione necessaria e, dovesse scendere in pista, c’è il rischio che possano saltare i punti, con il relativo pericolo d’infezione“.

Questo è il motivo per cui abbiamo preso la decisione di dare più tempo a Tito per recuperare in vista dei test in Qatar, piuttosto che rischiare per farlo guidare infortunato in Australia“, ha concluso Bartholemy.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo