MotoGP, brutta sorpresa per alcuni team all’arrivo in Australia

A partire da domani, mercoledì 15 Febbraio, i piloti della MotoGP saranno impegnati in tre giorni di prove sul bellissimo circuito australiano di Phillip Island, ulteriore tappa di avvicinamento al via del prossimo Mondiale, dopo la prima sessione di test, tenutasi a Sepang un paio di settimane fa.

Una scena non inusuale a Sepang, con un cielo scuro e nuvole cariche di pioggia (foto da: indiancarsbikes.in)

Eppure, allo sbarco nella Terra dei Canguri, alcune squadre hanno avuto a che fare con una sorpresa molto sgradita. Ma procediamo con ordine. Al termine dei test in Malesia, mentre i membri delle squadre hanno fatto ritorno a casa, gran parte dell’attrezzatura è rimasta lì, per poi venir trasferita in Australia.

Da quel che si è capito, non poche casse non sarebbero state protette adeguatamente dalla pioggia, in alcuni casi trovate piene d’acqua al loro interno. Per fare degli esempi, in Yamaha una delle tute di Maverick Vinales è risultata seriamente danneggiata; problema simile è stato sofferto anche dalla HRC e dalla scuderia di Lucio Cecchinello. Ma il problema principale riguarda i cerchi in magnesio, poichè l’acqua può deteriorarli in fretta, rendendoli inservibili.

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SNAI

5€ Bonus Scommesse alla Registrazione

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo