Mondiali 2018 e il biscotto per qualificarsi: accordo in Perù-Colombia

Renato Tapia, centrocampista del Perù, ammette che i colombiani erano a conoscenza dei risultati degli altri campi e che Falcao gli avrebbe detto di gestire il pareggio, risultato che ha di fatto qualificato ai Mondiali entrambe le squadre, ai danni del Cile. 

La tragedia sportiva che ha colpito il Cile, ha un quanto meno discutibile (per come arrivato) risvolto della medaglia: Colombia qualificata ai Mondiali 2018 e Perù che conquista il diritto di disputare gli spareggi contro la Nuova Zelanda.

Questo è il verdetto del girone di qualificazione sudamericano che, all’ultima giornata, ha visto attuarsi il “biscotto” organizzato da Colombia e Perù. 

mondiali

Le immagini di Falcao che si avvicina a Tapia bisbigliando qualcosa hanno fatto il giro del Mondo e destato più di un sospetto, la voce di uno dei diretti interessati ha tolto ogni dubbio. 

Il centrocampista peruviano, infatti, ha svelato il contenuto del dialogo con il capitano colombiano. 

Tapia ha rivelato che negli ultimi 5 minuti i colombiani sapevano i risultati delle altre partite e sapevano che, con un pareggio, Perù e Colombia avrebbero raggiunto ognuno i propri obiettivi ed il Cile sarebbe stato eliminato dai Mondiali.
E così è stato. Risultato finale 1-1. 

Tapia ha continuato dicendo che i due si sono dunque accordati per gestire la partita nel modo in cui conveniva ad entrambe le squadre e che in ciò non c’è nulla di illecito in quanto il calcio è anche questo.  

Migliori Bookmakers AAMS

Sito scommesseCaratteristicheBonusVai al sito
Eurobet10€ Bonus Scommesse al DepositoBonus Scommesse fino a 215€ Bonus Scommesse fino a 215€ Vai al sito
SNAIBonus 15€ Gratis alla RegistrazioneBonus 100% fino a 300€ sul primo deposito Bonus 100% fino a 300€ sul primo deposito Vai al sito
Starcasino ScommesseFino al 300% Bonus Multipla ScommesseBonus Fino a 1000€ Bonus Fino a 1000€ Vai al sito

Informazioni sull'autore
Vivo a Roma e sono laureto in Scienze politiche e relazioni internazionali alla Sapienza. Amo il calcio e la mia passione mi spinge a mettermi quotidianamente alla prova con un solo sogno nel cassetto: diventare un grande giornalista sportivo.
Tutti i post di Gabriele Arcifera