Milan-Atalanta 2-2, dichiarazioni post-partita di Gattuso: “Bisognava chiuderla prima”

Tanta amarezza. Si può riassumere così lo sensazione provata da mister Gattuso al termine del match contro l’Atalanta, un match buttato via a causa della cronica incapacità dei rossoneri di gestire il risultato e di chiudere le partite, nonché di una sterilità difensiva che richiede provvedimenti immediati: “C’è grande rammarico, abbiamo giocato un grandissimo primo tempo, ma abbiamo faticato nell’ultima mezz’ora. Siamo stati irriconoscibili e continuiamo a pagare tanti errori. Non diamo continuità alle prestazioni ma soprattutto dobbiamo chiudere prima le gare, non possiamo farci sorprendere ogni volta“.

I rossoneri si sono allungati ancora nel momento di maggior difficoltà, probabilmente (anzi, sicuramente ormai) un limite mentale: “Nel primo tempo abbiamo giocato sui venti metri, nel secondo per stanchezza e paura ci siamo allungati. Preferisco giocare meno bene ma fare punti in classifica, in questo momento ne abbiamo troppo bisogno. La squadra sta facendo delle buone prestazioni e reagisce bene, il problema è dare continuità di gioco e prestazioni nel tempo e nell’arco dei 90′. Sono contento della rosa, questa è una squadra con tanti margini di miglioramento“.

Un Gattuso laconico, dunque, ma che ha analizzato con chiarezza i problemi della sua squadra: scarsa continuità, improvvisi cali di rendimento nell’arco dei 90 minuti, paura e confusione ad ogni gol subito e poca concretezza. Sarà necessario rivedere molte cose, a partire dal modulo, se si vorrà invertire una rotta che potrebbe portare il Milan ancora una volta fuori dalla Champions League.

Ludovico Maiorana

Informazioni sull'autore
Sono Ludovico Maiorana, ho 34 anni e sono di Barcellona Pozzo di Gotto. Sono laureato in Scienze Storiche e scrivo per Stadiosport.it.
Tutti i post di Ludovico Maiorana