Milan, assemblea dei soci: via libera all’aumento di capitale

Quella di oggi, in casa Milan, è stata una giornata molto importante: nelle sede di via Aldo Rossi si è svolta l’assemblea dei soci con l’obiettivo di approvare l’ultimo bilancio dell’era Berlusconi (chiuso con un rosso di 74,9 milioni di euro) e l’aumento di capitale. Come da programma, Yonghong Li coprirà il buco con i primi 60 milioni e ha già fornito le prime garanzie in tal senso. Il primo personaggio di spicco a intervenire è stato Filippo La Scala, il quale ha sottolineato che una squadra che ambisce ad essere di prima fascia non può trascurare la gestione dello stadio, altro tema molto caro alla nuova proprietà. Non è tutto: per La Scala, il Milan deve tornare a mettere le cose giuste al posto giusto anche nel pagamento delle commissioni ai procuratori.

Sul tema principale all’ordine del giorno, cioè l’aumento del capitale di 60 milioni, RossoneriSport ha ufficialmente e pubblicamente deliberato di aumentare il capitale sociale per un importo totale di 59,520 milioni. Nella scaletta prevista si è poi passati ad altre tematiche non meno importanti, come l’emissione dei prestiti di settantasette milioni e cinquantaciunque milioni. In questo caso, RossoneriSport ha deliberato di approvare l’emissione dei prestiti entro fine maggio 2017, ipotesi 26 maggio 2017. Scadenza del prestito ottobre 2018 tasso d’interesse pari al 7,7%”. Intorno alle ore 13, dopo due ore di assemblea, il bilancio è stato approvato all’unanimità e l’incontro si è chiuso.