Lione-Atalanta, dichiarazioni Gasperini: “Anche dai francesi ci faremo conoscere”

Uno Giampiero Gasperini e un’Atalanta che non vogliono porsi limiti dopo il 3-0 rifilato all’Everton in Europa League. La prima vittoria europea è stata una vera e propria iniezione di fiducia per i nerazzurri, che sono, a detta del proprio allenatore, già pronti e carichi per il match di domani. La squadra bergamasca dovrà affrontare il Lione in una difficilissima trasferta. 

La seconda trasferta Europea per la Dea, sulla carta, pare essere proibitiva, ma non secondo il proprio allenatore, apparso molto fiducioso nella conferenza stampa odierna. Il tecnico, molto sicuro dei propri mezzi, ha affermato che può essere un vantaggio essere una squadra poco conosciuta a livello europeo (l’Atalanta manca da competizioni di questo genere da più di 26 anni) e che l’obiettivo individuale e collettivo è quello di farsi conoscere così come successo con gli inglesi, ricordando la splendida vittoria del suo team per 3-0 contro l’Everton. Molti anche i complimenti alla squadra di Génésio, a detta dell’allenatore atalantino, formata da calciatori veloci, tecnici e con una fisicità importante.

Il tecnico nerazzurro ha anche affrontato il capitolo infortunati, con Ilicic e Toloi entrambi in condizioni fisiche non buone. Per quanto riguarda il trequartista sloveno è arrivata la convocazione, nonostante la botta rimediata nell’ultimo match contro la Fiorentina, situazione però ancora da verificare per un possibile posto in campo. Discorso diverso invece per il difensore brasiliano, vittima di un problema al retto femorale. 

Orazio Redi

Informazioni sull'autore
Giornalista pubblicista, laureato in Scienze della comunicazione. Amante, sin da piccolo, di calcio e analisi dei linguaggi giornalistici. La citazione, che definisce perfettamente la mia ambizione, è questa qui di Steve Jobs: "L'unico modo per poter fare un ottimo lavoro sta nell'amare ciò che si fa. Il segreto è non accontentarsi mai e inseguire fino alla fine i propri sogni".
Tutti i post di Orazio Redi