Lazio-Zuelte, dichiarazioni Inzaghi: “Strano effetto giocare senza i propri tifosi”

Una Lazio che sta vivendo un ottimo momento di forma, sia in campionato che in Europa la squadra sta mostrando la giusta grinta e concentrazione step by step. Dopo la bella vittoria in rimonta per 3-2, nel match disputato in Olanda, contro il Vitesse, un’altra sfida di conferma spetta ai biancocelesti, domani alle 19, contro lo Zulte Waregem.

Un Simone Inzaghi apparso molto soddisfatto, nella conferenza stampa odierna, dell’inizio di stagione dei suoi, per un avvio che fa ben sperare sia la società che i tifosi, ma che non deve portare a cali di concentrazione, a partire dal match di domani. I biancocelesti affronteranno per la loro seconda sfida di Europa League, la squadra belga dello Zulte Waregem e dovranno far fronte a questo match senza i propri tifosi, squalificati lo scorso 20 maggio per cori razzisti. Una mancanza, quella della tifoseria laziale, che a parere di Inzaghi si farà sentire molto, anche perché andrà a creare un’atmosfera cupa e il match sembrerà tutt’altro che in casa. 

Molte anche le domande relative agli infortunati De Vrij e Milinkovic Savic, entrambi considerati a rischio per la gara di domani, ma con buone possibilità, da parte del centrocampista serbo, di essere della gara. Situazione diversa per il difensore olandese, atteso in campo direttamente per la sfida di campionato di domenica prossima. L’allenatore piacentino non commenta invece le scelte relative al turnover e alla formazione, rispondendo che questo tipo di decisioni è abituato a prenderle, insieme al suo staff, la mattinata stessa del match.

 

Orazio Redi

Informazioni sull'autore
Giornalista pubblicista, laureato in Scienze della comunicazione. Amante, sin da piccolo, di calcio e analisi dei linguaggi giornalistici. La citazione, che definisce perfettamente la mia ambizione, è questa qui di Steve Jobs: "L'unico modo per poter fare un ottimo lavoro sta nell'amare ciò che si fa. Il segreto è non accontentarsi mai e inseguire fino alla fine i propri sogni".
Tutti i post di Orazio Redi