Lazio-Napoli 1-4, voti e pagelle: Lazio domina il primo tempo con De vrij, Koulibaly Callejon e Mertens la ribaltano in 10 minuti

 Grande rimonta da parte del Napoli, che dopo esser andato in svantaggio di un gol nel primo tempo ha saputo riprendersi la vetta della classifica, a pari merito con Juventus, contro una squadra di alto rango ma che si è dimostrata inferiore al Napoli nel secondo tempo subendo 3 reti in meno di 10 minuti. 

E’ ancora record di vittorie per il Napoli che, dopo la vittoria per 6 a 0 contro il Benevento in casa, sbanca all’Olimpico con una vittoria per 4 a 1, arrivando così a 10 vittorie di fila. Per non dimenticare il loro bottino personale di gol che sale ancora, così da fargli aggiudicare ancora la nomina di miglior attacco in tutta europa.

Voti

Lazio:

STRAKOSHA, 5,5 – Strepitosa la parata su Callejon nel finale di prima frazione. Non convince sull’arcobaleno disegnato da Mertens.

BASTOS, 6 – Esce per infortunio nella prima frazione. Fino a quel momento non aveva demeritato.

DE VRIJ, 7 – Al di là della rete respinge tutto quello che passa dalle sue parti. Esce per infortunio e la Lazio naufraga.

RADU, 5 – Va in netta confusione riuscendo a combinare frittate una dopo l’altra, deludente.

BASTA, 5,5 – Crolla anche lui nella ripresa. Peccato per l’infortunio che lascia in dieci i suoi.

PAROLO, 5 – Sparisce dal campo facendo zero filtro a centrocampo nella ripresa, uomo in meno.

LUCAS LEIVA, 5 – L’uomo che dovrebbe impostare non riesce a dare nulla di importate alla squadra, passo indietro.

MILINKOVIC-SAVIC, 6 – Nel primo tempo fa faville, ha grandissime qualità e si vede. Coinvolto nel black out dei suoi.

LULIC, 5 – Il bosniaco non è nella sua giornata migliore. Manca la solita spinta.

LUIS ALBERTO, 6,5 – L’ex Liverpool ha spunti di altissimo livello. Per Inzaghi giocatore davvero prezioso.

IMMOBILE, 6,5 – Dopo un primo tempo di alta qualità, assist compreso, cala nella ripresa. Resta comunque la buona prestazione.

MARUSIC, 5 – Prende il posto di Bastos e lo fa rimpiangere.

MURGIA, 5 – Il suo ingresso non lascia tracce. Il giovane ha talento ma oggi aveva di fronte una grandissima compagine.

J. LUKAKU, 5 – Anonimo sulla fascia di competenza. Prende il posto di Milinkovic Savic e la qualità scende.

ALL. S. INZAGHI, 5 – Aveva preparato benissimo la partita. I suoi lo abbandonano nel secondo tempo. Anche lui ci mette del suo.

Napoli:

Reina, 5 – Aggressivo e poco riflessivo nel primo tempo. Un fallo gratuito e un’uscita al cardiopalma per fermare un contropiede di Immobile. Si salva nel secondo tempo. Distratto sulle parate più semplici.

Maggio 6 – Fa bene il suo lavoro. Chiamato ad assistere Callejon sulla fascia destra, non entra mai nel vivo del gioco. Controlla bene gli attacchi di Immobile, che dal suo lato trova un muro.

Albiol, 5,5 – Va bene avere poco feeling con Sergio Ramos, però ogni calcio piazzato diventa un “coccolone”. Con il suo compagno di reparto non parlano “vado io, vai tu” e l’azione del gol è servita.

Koulibaly, 6,5 – Il suo primo gol lo salva da ben peggiore figura. La Lazio si rintana nella propria metà campo dal secondo tempo: salvato dalla fortuna.

Ghoulam, 6,5 – Propositivo e poco incisivo nel primo tempo, cattivo e strabordante nel secondo. Una curiosità però attanaglia tutti: perchè far tirare a lui le punizioni?

Hamsik, 6 – Non brillante e nemmeno assente. Una palla controllata male con un dribbling di troppo non lo fa segnare. Manda in porta Callejon due minuti dopo il gol di Koulibaly. Esce ancora per Zielinski (6, si procura il rigore del 4 a 1 finale), ma si capisce che, senza di lui, non sarebbe lo stesso Napoli.

Allan, 6 – Centrocampista mastino, si fa valere sempre sui palloni, nel secondo tempo ha pochi palloni da recuperare, ma il suo apporto al gioco è sempre lo stesso. In forma.

Jorginho, 7 – Smista palloni, recupera palloni. Nonostante la pressione della Lazio, nel primo tempo, ha giocato tantissimo. Suo il gol del KO finale.

Callejon, 7 – Due gol in due giornate, sempre presente sempre attivo. Nel primo tempo viene oscurato dalla presenza di Immobile e Luis Alberto che sembrano giocare in fotocopia con il trio partenopeo. Nulla può Stakosha sul suo tiro. Nel finale di partita entra Rog (s.v.) che ha ben poco da fare.

Mertens, 8 – Un gol a scavalcare il portiere, pallonetto, da posizione angolata: solo lui poteva pensarci. Primo tempo opaco contro un Bastos e un De Vrij che la fanno da padroni per stazza fisica. Usciti per infortunio, le sue invenzioni e i suoi inserimenti hanno fatto il resto. Esce per Milik (s.v.).

Insigne, 6,5 – Ostacolato continuamente da Basta e Bastos, non appena la fortuna gira dalla sua insegue il gol. Molto meno concentrato ma il suo apporto difensivo fa la differenza.

ALL. SARRI, 8 – La sua compagine disegna calcio su ogni campo. Ha costruito una macchina da gol.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€