Juventus-Sassuolo 2-2: i bianconeri cedono alla tenace prestazione neroverde, Ronaldo ritrova il gol, che debutto Turati !

Una Domenica di campionato che si è aperta con la sorpresa delle soprese: per la prima volta la nuova Juventus di Maurizio Sarri non ha vinto in casa.

Nella prima delle 6 gare domenicali della 14^ giornata di Serie A, il 10° lunch match del campionato, il 1° dei quali con la Juve in campo, i bianconeri non vanno oltre il 2-2 casalingo contro il Sassuolo.

Risultato insufficiente non solo per i differenti valori in campo – e in classifica, 23 i punti di distacco – ma soprattutto perché in questo modo i pluricampioni in carica cedono la vetta della classifica all’Inter, vincente in casa contro un’altra formazione emiliana, la Spal.

I bianconeri, come di consueto, fanno la partita, ma non riescono a tenere ritmi alti, e fino a un certo punto si può evocare il surplus di carichi di lavoro dovuti alla sfida contro l’Atletico Madrid in Champions League.

La tenace banda di De Zerbi ha il merito, dal canto suo, di approfittare del calo di tensione bianconero e di tenere duro per acquisire un risultato di prestigio: per la prima volta il Sassuolo esce imbattuto da casa Juve.

Juve che prova a metter sù gli schemi collaudati da Sarri, con il pressing di Bentancur e la grande visione di gioco di Pjanic per Higuaìn che però in questo match non vede proprio la porta.

Il classico match che per sbloccarsi ha bisogno di un lampo solitario trova conferma nel destro secco da fuori area di capitan Bonucci, che trova l’angolino alla destra del giovanissimo debuttante portiere classe 2001 Turati – un debutto da sogno a dispetto dei gol subiti, ma ci arriveremo.

2° gol stagionale per il capitano bianconero, entrambi in campionato, entrambi ad aprire le marcature, entrambi nella stessa porta dello stesso stadio – dopo il colpo di testa vincente al Genoa.

Chiaro ovvio segnale dell’instabilità bianconera il fatto che il vantaggio duri appena 2 minuti, quando i neroverdi trovano il pari sull’asse Caputo-Boga, con il primo ad approfittare della assurda staticità della retroguardia bianconera servendo in area l’imbucata al secondo che con un delizioso tocco sotto fulmina in uscita Buffon.

4° gol in questo campionato per Jeremie Boga, grande rivelazione stagionale.

Per Buffon, presenza numero 645 in Serie A – sole due presenze dal record della leggenda Paolo Maldini – 477 delle quali con la maglia bianconera – una sola presenza dall’altra leggenda Alex Del Piero – numeri non onorati in un primo pomeriggio domenicale da incubo: ad inizio ripresa si rende protagonista dello svarione difensivo bianconero che, in collaborazione con l’errato disimpegno di De Ligt, porta al clamoroso vantaggio di Caputo – grande partita, assist e gol, il 7° in questo campionato per lui, pareggia i conti con il compagno di squadra e reparto Berardi come bomber stagionale emiliano.

Dall’altra parte invece fa ben meglio il sopra citato giovanissimo collega Turati – la cui gioventù ha qualcosa di storico: mai nella storia della Serie A c’era stata una tale differenza di età fra i portieri avversari, quando Turati è nato, nel 2001, Gigi Buffon era già alla sua prima stagione juventina.

Nel debutto personale nel calcio che conta il baby estremo difensore sale in cattedra salvando lo storico risultato dei suoi, e mica parliamo di spiccioletti: si prende il lusso di fermare gente del calibro di Cristiano Ronaldo – su punizione – Higuaìn – a botta sicura – e Ramsey – conclusione dalla distanza – mica gli ultimi arrivati. Cose da tramandare ai posteri.

In mezzo la nota a margine di non riuscire a opporsi al calcio di rigore realizzato dallo stesso CR7, che ritrova il gol in bianconero che gli mancava da un mese, da quel 30 Ottobre sempre in campionato sempre su rigore sempre nella stessa porta dello stesso stadio e sempre a chiudere il match – a sua volta, come Bonucci, nel match contro il Genoa.

Un brutto stop per i bianconeri, che come detto cedono la vetta della classifica, rendendo così più interessante il rush finale prima della sosta natalizia.

I migliori

Boga, voto 6.5

Movimenti in fase offensiva da grande attaccante, suggellati dalla bella fase di smarcamento in occasione del suo gran gol.

Caputo, voto 7.5

Prima l’assist per il pari di Boga, poi approfitta del disastro difensivo bianconero per infilare il clamoroso gol del vantaggio, appaiando Berardi come miglior bomber neroverde stagionale.

Turati, voto 8.

Ragazzino classe 2001 che fà il suo speciale debutto nel calcio che conta con una prestazione da incorniciare, fermando CR7 e compagni con 3 interventi superlativi, facendo far brutta figura al ben più giovane ed esperto collega Buffon. Un giorno che non dimenticherà di sicuro finché campa.

I peggiori

Buffon, voto 5.5

Ormai al portierone son rimaste solo queste poche occasioni per continuare a giocare con la sua amata Juve e collezionare presenze onde aggiornare le sue statistiche, e ci si aspetterebbe che le sfruttasse, queste occasioni. L’errore sul gol di Caputo è quantomeno da principiante, quale sarebbe il suo baby collega dall’altra parte, che invece lo fa proprio sfigurare.

Difesa della Juve, voto 5.5

Non sale sul gol di Boga, praticamente regala quello di Caputo, con De Ligt che ha 20 anni e lo si vede, se non riesce neanche a reggere la pressione dell’attacco del Sassuolo, con il dovuto rispetto. Tutto da rivedere.

Cristiano Ronaldo, voto 6- di incoraggiamento.

Periodaccio nella Juve per il portoghese, che ritrova comunque il gol dopo un mese. Per il resto insufficiente anche lui.