Juventus, Gazzetta dello Sport quasi sicura: Buffon si ritira ed entra in FIGC. Con lui anche Pirlo

Secondo la Gazzetta dello Sport, Buffon avrebbe deciso di ritirarsi al termine della stagione e potrebbe entrare a far parte del Club Italia della FIGC insieme a Pirlo 

Il tempo passa, il ticchettio dell’orologio pesa sul cuore di tutti, anche dei più grandi fuoriclasse della storia del calcio. Dopo Francesco Totti e Andrea Pirlo, il prossimo campione del mondo 2006 a ritirarsi sarà Gigi Buffon, che avrebbe deciso di lasciare il calcio giocato al termine della stagione. 

Sono ormai mesi che si parla del possibile ritiro di Buffon, prima deciso a confermare quanto dichiarato più volte, anche al momento della firma dell’ultimo contratto con la Juventus, che scade a giugno, di appendere i guantoni al chiodo nel 2018, dopo aver disputato l’ultimo Mondiale, poi pronto a ritrattare dopo l’esclusione e la non qualificazione dell’Italia alla spedizione in Russia

Proprio la debacle con la Svezia e le successive considerazioni sul suo ritiro dalla nazionale, poi di fatto nascoste dalla convocazione per le amichevoli contro Argentina e Inghilterra di questi giorni, avevano suscitato dubbi in Buffon, che stava pensando addirittura di proseguire, non solo per un’altra stagione, ma fino agli Europei del 2020. 

Non sarà così, perché, secondo la Gazzetta dello Sport, il più forte portiere della storia del calcio italiano ed internazionale avrebbe sciolto e confutato tutti i dubbi, decidendo di ritirarsi al termine della stagione. Tale scelta potrebbe essere rivalutata solo in caso di vittoria, da parte della Juventus, della Champions League, così da poter disputare la Supercoppa Europea e il Mondiale per Club a dicembre. 

In qualsiasi caso, il suo futuro sarà in Italia, visto che Buffon rifiuterebbe sicuramente le offerte arrivate da altri club italiani e stranieri, rimanendo alla Juventus come calciatore o, al massimo, diventando un dirigente. 

Proprio in tal senso, l’attuale capitano dei bianconeri e della nazionale italiana è da sempre corteggiato dal presidente Gianni Infantino, che farebbe di tutto pur di portarlo a Zurigo ed inserirlo nel suo staff alla FIFA, e dalla FIGC, che lo vedrebbe come l’uomo perfetto dal quale ricostruire dalle fondamenta il calcio italiano, puntando su un simbolo, un’emblema della propria storia. 

L’ipotesi FIGC attualmente sembra la più praticabile, visto che Buffon potrebbe entrare a far parte del Club Italia a Coverciano e diventerebbe una sorta di Presidente della Nazionale, lasciando a Lele Oriali il ruolo di team manager, senza dimenticare anche la possibilità di coprire un ruolo più tecnico, entrando nello staff di Gigi Di Biagio, qualora venisse confermato come ct, o del suo successore. 

Prima, però, Buffon parlerà con Andrea Agnelli e solo dopo l’incontro con il presidente della Juventus renderà pubblica la sua decisione di continuare a giocare a calcio, lasciando però a Wojciech Szczesny la maglia da titolare in squadra, quindi continuando la sua passerella fino all’ormai ex Coppa Intercontinentale e al raggiungimento del record di presenze in Serie A, o ritirarsi diventando dirigente, per poi scegliere di restare in bianconero oppure andare in nazionale. 

In FIGC potrebbe trovare proprio il suo amico Pirlo, che avrebbe avuto una proposta per entrare a far parte dello staff del Club Italia, ma con un ruolo più tecnico, quindi più vicino al prossimo ct. 

Benito Letizia

Informazioni sull'autore
Direttore di Stadiosport. Giornalista Pubblicista, Laureato in Lettere Moderne e Filologia Moderna presso l’Università Federico II di Napoli. "Il calcio è vita".
Tutti i post di Benito Letizia