Juventus-Fiorentina 1-0, Allegri: “Vittoria che ci deve rendere felici ma anche arrabbiati per quanto abbiamo lasciato”

L’allenatore della Juventus Massimiliano Allegri ha parlato in conferenza stampa dopo la vittoria al fotofinish ottenuta dai suoi contro la Fiorentina. Il tecnico bianconero contento per quanto mostrato dai suoi oggi, ma rammaricato per i punti persi in precedenza.

Torna a sorridere anche in campionato la Juventus che nell’anticipo della dodicesima giornata di Serie A ha battuto la Fiorentina per 1-0.

La partita non è stata spettacolare e ci sono state poche occasioni, con la Juventus che ha spinto di più una volta che la Fiorentina è rimasta in 10 per l’espulsione di Milenkovic. A decidere la contesa ci ha pensato un gol di Cuadrado con rasoterra potente deviato a battere Terracciano.

La vittoria permette alla Juventus di restare in corsa per il quarto posto, ora obiettivo stagionale dopo aver lasciato la corsa scudetto prematuramente. Ed è ciò che ha dichiarato Massimiliano Allegri in conferenza stampa a fine gara, con il tecnico bianconeor che ha affermato come questa sia anche una vittoria che debba dare rabbia per i punti persi: “Questa vittoria ci deve far essere felici questa sera, ma più arrabbiati per quello che abbiamo lasciato”.

Questa sera, tuttavia, non si è vista la Juventus spumeggiante di qualche giorno fa contro lo Zenit. Allegri ha dichiarato come il merito sia stato della Fiorentina, facendo i complimenti agli avversari: “La Fiorentina gioca molto bene a calcio, l’allenatore è molto bravo a farle giocare cosi. Nel primo tempo abbiamo sbagliato 3/4 possibile occasioni con la scelta dell’ultimo passaggio. Nel secondo tempo abbiamo tirato qualche volta in più in porta e preso una traversa. Morata è stato fermato sul filo del fuorigioco due volte. Soprattutto abbiamo concesso poco, vincendo tanti duelli e tanti contrasti. Questo ha influito sul risultato”.

Allegri ha poi analizzato la prestazione della squadra, dichiarandosi contento anche di quei giocatori che scendono in campo di meno come Rugani, Pellegrini e Perin chiamati a sostituire i compagni infortunati in una partita non semplice. Il tecnico bianconero si è soffermato proprio su ciò, affermando come ci sia stata comunque serenità nel gicoare palla a terra da dietro senza forzare la giocata.

Alla vigilia di questa partita si era detto che era una sfida da bollino rosso e la Juventus non poteva sbagliare. Allegri ha ribadito come da qui in avanti saranno tutte partite fondamentali per la Juventus e non sono ammessi passi falsi: “Lo sappiamo anche noi che non possiamo sbagliare. Le nostre partite saranno da bollino rosso per i prossimi 2/3 mesi. Le prestazioni devono essere queste. È più facile vincere che perdere con queste prestazioni. Questa sera è stata una partita molto pesante e i ragazzi sono stati molto bravi”.

Ad Allegri è stato poi chiesto un commento sul duello De Ligt-Vlahovic, durato per tutta la gara ed il tecnico livornese ha dichiarato che si è trattato di un bel duelllo molto maschio, complimentandosi con il suo difensore olandese e con Rugani per aver tenuto a bada l’attaccante serbo.

Prima della partita, Allegri ha dovuto fare alcuni cambi forzati avendo perso molti giocatori per infortunio come Chiellini o Szczesny. Al tecnico bianconero è stato chiesto di fare il punto della situazione sugli infortunati, con Allegri che ha parlato di infortuni non troppo gravi, portando novità riguardo il fronte offensivo: “Kean torna dopo la sosta. Chiellini ha avuto un risentimento non so in quale parte del corpo tra flessore o tendine. Bonucci aveva un problema prima della partita e doveva già stare fuori a Verona. È stato fuori precauzionalmente. Alex Sandro ha giocato con un problemino e nel secondo tempo l’ho tolto. Szczesny è caduto su un pallone e non si poteva più allungare”.

Ora la Juventus ha 18 punti in classifica e sa di dover continuare a correre considerando che davanti le squadre non intendo mollare. Allegri ha affermato come si siano persi almeno sette punti che sarebbero potuti essere importanti: “Secondo me abbiamo lasciati almeno sette punti. Quando torniamo dobbiamo essere ancora più arrabbiati per questo e per quello che abbiamo lasciato. Una squadra che vuole vincere deve passare da questo e giocare questo tipo di partite Altrimenti diventi una squadra che può vincere e perdere con tutti. Col Sassuolo abbiamo tirato tanto in porta e poi abbiamo perso. Con l’Empoli anche e con l’Udinese vincevano 2a0 e abbiamo pareggiato. I ragazzi oggi sono stati bravissimi. La cosa positiva​ rimane una: dobbiamo pensarci. allora forse diventiamo una grande squadra”.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Danilo Servadei

Informazioni sull'autore
Laureando in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Giornalista pubblicista con la passione per il calcio estero e l'amore per quello giapponese e asiatico
Tutti i post di Danilo Servadei