Altre accuse dalla Cina per Suning: Jiangsu a rischio esclusione dalla Super League

Prima o poi doveva accadere. Il calcio cinese è sull’orlo di una crisi senza precedenti e stando alle indiscrezioni riportate dal Mirror, rischia di implodere: diciotto società, fra cui tredici che militano nella massima serie, sono accusate di irregolarità e rischiano di essere escluse dal campionato.

Una vera e propria bomba mediatica che rischia di modificare per sempre il corso degli eventi. Tutte le squadre maggiori tra cui il Jiangsu (che fa capo a Suning come l’Inter) sono coinvolte nell’inchiesta che riguarda soprattutto i mancati pagamenti a giocatori, dirigenti e membri dello staff.

Oltre al Jiangsu, sarebbero coinvolte queste squadre: Shanghai Shenhua, Shanghai SIPG, Beijing Guoan, Changchun Yatai, Chongqing Dangdai Lifan, Hebei China Fortune, Guangzhou Evergrande, Guangzhou R&F, Liaoning Whowin, Shandong Luneng Taishan, Tianjin Quanjian e Tianjin TEDA.

Fonte immagine: Techweez.com

Inoltre sarebbero a rischio squalifica anche 5 club delle serie minori, quattro (Beijing Renhe, Dalian Transcendence, Shanghai Shenxin e Shijiazhuang Ever Bright) nella prima lega e uno (Qingdao Jonoon) nella seconda. Il governo cinese non è solito applicare regolamenti all’acqua di rose e se dovessero essere riscontrate irregolarità, verranno applicate le sanzioni senza alcuna attenuante.

Altro che il fantomatico fair play finanziario che viene regolarmente aggirato, in Cina non si scherza e se le squadre non “saneranno” la loro posizione entro il 15 agosto, c’è il rischio che la Super League cinese venga ridisegnata attraverso sanzioni, squalifiche e ripescaggi.