Italia, Mancini show: record di vittorie consecutive e testa di serie per Euro 2020

L’Italia sa solo vincere; conquistata ieri contro la Bosnia la nona vittoria nel Girone J di qualificazione ad Euro 2020, la decima consecutiva per Roberto Mancini che stabilisce il nuovo record di vittorie consecutive per un allenatore sulla panchina azzurra. Superato Vittorio Pozzo che, nel 1938, si era fermato a 9 vittorie consecutive.

Gli Azzurri vincono e convincono; con i 3 punti conquistati ieri la squadra del Mancio sale a quota 27 in classifica con un vantaggio di +9 sulla Finlandia che ieri, battendo 3-0 il Liechtenstein, ha ottenuto la sua prima storica qualificazione ad una fase finale di un Europeo.

Mancini conquista la decima vittoria consecutiva alla guida dell'Italia che sarà testa di serie al sorteggio per la fase finale
Roberto Mancini, c.t della nazionale Italiana

Un abisso, quello tra gli uomini di Mancini e tutte le altre squadre del raggruppamento che fa capire come la nostra selezione nazionale sia, seppur ancora in fase di rodaggio, una squadra cinica, precisa e mai paga del risultato che anche in una partita come quella di ieri, dove magari alcune motivazioni potevano venir meno, ha espresso un buon calcio, sconfiggendo i padroni di casa della Bosnia praticamente già nel primo tempo grazie alle reti di Acerbi e Insigne.

Belotti, al 52′, ha poi messo la ciliegina sulla torta ad una prestazione perfetta che ha certificato ancor di più la netta superiorità della squadra del tecnico marchigiano sugli uomini di Robert Prosinecki.

Con il successo di ieri in terra bosniaca, l’Italia ha guadagnato la certezza di essere testa di serie al sorteggio per la fase finale. Ora occorre una vittoria contro la modesta Armenia, lunedì a Palermo, per chiudere in bellezza un percorso di qualificazione a dir poco fantastico. 

 

 

 

Nicola Patrissi

Informazioni sull'autore
"Non è tanto chi sei, quanto quello che fai che ti qualifica". Giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Basilicata. Laureato in Lettere Moderne. Amo la scrittura, la fotografia e il calcio.
Tutti i post di Nicola Patrissi