Italia-Liechtenstein 6-0, voti e pagelle: immortale Quagliarella, ok Sensi-Verratti, male Jorginho

L’ Italia ha vinto e convinto contro il povero Liechtenstein. Il migliore in campo nella serata del trionfo azzurro è stato di gran lunga Quagliarella, autore di una doppietta che gli è valsa il record di più anziano marcatore della Nazionale Italiana.

Uno sciame di audaci ragazzini danzatori , un Benjamin Button travestito da attaccante e un pedagogo pacato e silenzioso ma sempre vigile sui suoi allievi. É stato questo il mix vincente che ha permesso alla nostra Italia di penetrare nei cuori di tutto popolo azzurro per riaccendere la passione e le speranze ormai perdute.

La vittoria per 6-0 riportata dall’ Italia sul Liechtenstein appariva quasi scontata dato il divario tecnico, ma la modalità con cui è giunta non lascia spazio ad altre interpretazioni. I nostri calciatori hanno divertito e si sono divertiti perchè hanno fame di reti e di vittorie, hanno voglia di rivalsa. Pur essendo ancora in uno stadio intermedio, il processo di evoluzione della Nazionale sembra procedere sul percorso giusto, quello che riporta all’ Olimpo delle grandi di tutto il Mondo. 

Nella serata di ieri, il migliore per distacco è stato Quagliarella. L’ immortale attaccante della Samp non pare soggetto al decadimento fisico che affligge i calciatori ultratrentenni. Lui no, non è ancora vecchio, ma il meno giovane tra i giovani. Insieme a lui, anche Sensi e Verratti sono stati protagonisti di una prova eccezionale mettendo a segno una rete a testa. Per contro, Jorginho ha invece offerto una nuova prestazione opaca, la seconda consecutiva. Tra i rappresentanti del piccolo Principato non si è salvato nessuno. Per loro si è concretizzata l’ ennesima disfatta.

 

Di seguito i voti e le pagelle della sfida:

ITALIA

SIRIGU 6 – Serata inoperosa per il portierone del Torino, che deve limitarsi a fare buona guardia senza sporcarsi i guantoni.

MANCINI 6 – Schierato sull’ esterno destro, in fase di possesso si stringe divenendo il terzo centrale di difesa. Per lui una buona prestazione condita da un gol sfiorato.

BONUCCI 6 – Come di consueto veste i panni del regista arretrato, ma sbaglia qualche lancio di troppo. Prestazione senza infamia e senza lode in difesa.

ROMAGNOLI 6 – Come il suo compagno di reparto deve limitarsi a svolgere il normale compitino difensivo.

SPINAZZOLA 7.5 – Un moto perpetuo sulla corsia di sinistra. Corre, salta l’ uomo e crossa.  É suo il suggerimento per il gol che sblocca il match. I tempi bui sono ormai alle spalle, ora si intravede una luce luminosa.

SENSI 7 – Primo marcatore di giornata con un specialità non della casa, offre una nuova brillante prestazione dopo quelle inanellate con il Sassuolo.

JORGINHO 5,5 –  Il peggiore degli azzurri. Nessun grave errore per lui, ma le sue giocate compongono un dipinto dai colori opachi.

VERRATTI 7.5 –  Tra i migliori in campo. Cattiveria agonistica e qualità formano il mix vincente che gli consentono di andare in rete dopo aver mandato al bar tutta la retroguardia avversaria.  

POLITANO 6 – Tanta corsa e sacrificio ma non punge. Gara da sufficienza piena

QUAGLIARELLA 8–  Il ” nonno” della nostra compagine sembra ringiovanire man mano che la sua carta d’ identità si scolorisce. Una doppietta da record che lo lancia in testa alla classifica dei marcatori più anziani della storia della Nazionale.

KEAN 7 –  Il baby prodigio non ha intenzione di fermarsi. Seconda rete consecutiva per lui con la maglia azzurra. Il futuro è tutto dalla sua parte.

IZZO 6 –  L’ esordio a pochi minuti dal termine è il giusto premio per un’ annata da incorniciare per il ragazzo di Scampia.

ZANIOLO 6,5 – Grinta e personalità lo portano a tentare pià volte la giocata. Spesso s’ intestardisce, ma soltanto perchè ha una voglia matta di farsi notare.

PAVOLETTI 6,5 – Gol di piede? Ma non segna soltanto di testa? Il centravanti del Cagliari bagna la sua prima presenza nel modo migliore.

 

LIECHTENSTEIN

BUCHEL 5 – Raccoglie ben 6 palloni nella propria rete. Non è colpa sua , ma al contempo non cerca di opporre resistenza.lasciandosi trafiggere a ripetizione

WOLFINGER 4. – Saltato costantemente da Spinazzola, probabilmente è andato a letto con il mal di testa.

KAUFMANN 4 – Si fa notare per la propria presenza aerea. Tuttavia, il suo rosso complica la serata della sua compagine.

HOFER 4 – 90 minuti da incubo anche per lui. Inerme dinanzi alle folate azzurre.

GOPPERL 5 – Ha la fortuna di avere un Politano non ispiratissimo sulla sua corsia e pertanto riesce a tenere botta.

SELE 4.5 –  Male sia in fase di copertura che in quella d’ impostazione. Affonda insieme al resto della squadra.

POLVERINO 5.5 –  L’ esperto centrocampista è autore dell’ unico tiro in porta del Liechtenstein. Per il resto offre una prova negativa impostando molto male.

WIESER 4.5 – Come i compagni, va in difficoltà e indovina pochissime giocate

KUHNE 5 – Il errore di posizionamento sul gol di Sensi spiana la strada alla goleada degli azzurri.

HASLER 5 – Con l’ espulsione del suo compagno di squadra è costretto a dare una mano in fase di copertura e ne risente sul piano della pericolosità.

SALANOVIC 5 – Serata da dimenticare per l’ uomo con più qualità della Nazionale del Principato. Il pallone passa davvero per poco tra i suoi piedi .

MAJER 5 –  Subentra per dare freschezza al centrocampo, si disimpegna male sia in fase difensiva che in quella offensiva.

MALIN 6 – Protagonista incolpevole di una cocente disfatta. Probabilmente è il migliore dei suoi

M. BUCHEL s.v

 

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

15€ Bonus Benvenuto Scommesse al Deposito

Fastbet

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus