Genoa-Juventus 2-1, Allegri: “Dispiace per il terzo posto”

Genoa-Juventus 2-1, le dichiarazioni post gara di Allegri: “Dispiace aver perso perché potevamo essere al terzo posto”.

Perde la Juventus: nell’anticipo del venerdì i bianconeri escono sconfitti dal “Ferraris” di Genova, puniti da un rigore di Criscito nei minuti di recupero. La squadra rossoblù rimonta l’iniziale svantaggio, propiziato da un gol di Paulo Dybala, e condannano la Juventus all’ottava sconfitta in campionato.

C’è rammarico da parte di Massimiliano Allegri, anche perché vincere la gara avrebbe significato scavalcare momentaneamente il Napoli al terzo posto. Il tecnico livornese, però, non fa drammi, e guarda già alla finale di Coppa Italia, mercoledì sera, contro l’Inter:

Dovevamo gestire meglio la palla abbassando un po’ i ritmi e non cercare sempre i giocatori in velocità, ma le caratteristiche dei giocatori sono quelle. Dispiace aver perso perché per una sera potevamo essere al terzo posto. C’è comunque da prendere il positivo e guardare avanti, anche perché mercoledì abbiamo una partita importantissima“.

Una partita che vede ancora Dusan Vlahovic a digiuno. Il serbo non segna dal pari interno col Bologna, ma Allegri ne elogia comunque la prestazione: Non deve sentirsi in difetto se non segna, contro il Genoa ha fatto una delle sue migliori partite a livello tecnico. L’ho tolto dal campo per farlo rifiatare. Per lui si tratta di trovare solo un po’ di equilibrio, ma magari giocasse sempre così”.

Sulla gestione della partita, Allegri rimprovera ai suoi di non essere riusciti a chiuderla: “Sono dispiaciuto di non aver vinto una partita che si era incanalata bene, dovevamo fare il 2-0 ma non ci siamo riusciti. Dobbiamo migliorare, perché abbiamo una finale di Coppa Italia e non possiamo sbagliare così tante occasioni. Nel momento in cui il Genoa era in difficoltà dovevamo avere il possesso della palla e la padronanza del campo ed invece ci siamo fatti ingolosire dallo spazio per andare a fare gol. Quand’è così le possibilità devi sfruttarle. Dopo l’1-1 abbiamo avuto un’occasione clamorosa con Kean, purtroppo nel calcio accadono cose inspiegabili e stasera è stato così. Dispiace perdere anche se a livello di classifica contava meno, oggi ho provato a gestire le energie ma se non fai gol poi le partite le perdi”.

Altra occasione per Kean in attacco, ma il centravanti classe 2000 non è riuscito a segnare, stavolta: Di solito quando gli capita mezza occasione fa gol, oggi ne ha avute quattro o cinque e ha sbagliato. Ma il calcio è così. Anche se è un 2000 ha già esperienza ma ogni tanto spreca energia in duelli inutili, sono tutte cose che può solo migliorare”.

Il livornese conclude parlando del gol di Criscito, su rigore, nel finale, e della mancata gestione della partita da parte della sua squadra: “Difficile Criscito sbagliasse nuovamente il rigore. La sconfitta alla fine se sbagliamo tutti quei gol ce la meritiamo, quando si sprecano tutte queste occasioni capita. La cosa che non abbiamo fatto e dobbiamo migliorare è la gestione, ma usciti i giocatori tecnici non siamo riusciti a dare tempi di gioco e rallentare l’azione. Giocavamo troppo la palla avanti e indietro, tre azioni noi e una loro, poi quando fai errori del genere è normale che vieni punito”.