F1 GP Sakhir 2020: anteprima ed Orari Diretta TV

Nel secondo appuntamento consecutivo in Bahrain, i riflettori saranno puntati su Russell, che sostituirà Hamilton in Mercedes

Il Mondiale 2020 di Formula 1 corre verso la sua conclusione, traguardo sul quale non molti, ad inizio estate, avrebbero scommesso con certezza. Questo weekend tocca all’appuntamento n. 16, il Gran Premio del Sakhir, seconda gara in back-to-back sul circuito posto nel deserto nelle vicinanze della capitale del Bahrain, Manama. La novità è il layout, dato che sarà usata per la prima volta la particolare configurazione Outer Circuit.

Con ancora negli occhi il drammatico incidente capitato domenica a Romain Grosjean, fortunatamente con conseguenze fisiche per il franco-elvetico sicuramente trascurabili, vista l’entità dell’impatto e il conseguente e pauroso rogo, è successo tanto in questa vigilia. Innanzitutto, la positività al COVID-19 di Lewis Hamilton, che verrà sostituito da George Russell il quale, a sua volta, vedrà sedersi sulla sua Williams il debuttante Jack Aitken. Protagonista anche la Haas: mentre per questa gara sarà il nipote d’arte Pietro Fittipaldi a sostituire Grosjean, il team statunitense ha annunciato Nikita Mazepin e Mick Schumacher come piloti 2021.

Un suggestivo tramonto al Sakhir, teatro questo weekend della seconda gara consecutiva in questo Mondiale 2020, che sta giungendo appunto al suo tramonto (foto da: twitter.com)

F1 GP SAKHIR 2020: LA CONFIGURAZIONE OUTER CIRCUIT

Sarà un weekend particolare, quello del Gran Premio del Sakhir. Il circuito bahreinita ospiterà per la prima volta il Circus sulla configurazione Outer Circuit, composta da 11 curve (8 a destra e 3 a sinistra) e una lunghezza di 3.543 metri, divenendo il primo tracciato ad ospitare Gran Premi validi per il Mondiale di Formula 1 su tre configurazioni diverse (nel 2010 venne utilizzata la versione più lunga, quella Endurance). Ancora, la gara si disputerà sulla distanza di 87 giri (primo GP da quello d’Australia 1995 a superare quota 80 (all’epoca furono 81)) e con tutta probabilità vedrà segnato il giro più breve della storia di questo sport. Il precedente record, il 58.79 con cui Niki Lauda fece segnare la pole a Digione, nel Gran Premio di Francia 1974, è destinato a crollare, dato che le simulazioni parlano di giri abbondantemente sotto i 55″.

Il layout denominato Outer Circuit, del Sakhir, Bahrain (foto da: wikipedia.org)

L’inizio è identico alla configurazione classica:  alla fine del rettilineo dei box c’è la prima staccata importante, curva 1, piega lenta a destra e a gomito, in uscita della quale abbiamo una sinistra-destra (curva 2-3), che lancia i piloti sul secondo rettilineo; questi saranno i rettilinei percorrendo i quali sarà possibile usare il DRS. A questo punto, una volta superata curva 4 si entra nella parte ‘nuova’, quella mai affrontata. Anziché proseguire verso lo snake, si volta a sinistra per quella che è curva 5, in una sezione di media velocità che costituirà il T2.

Un giro sull’Outer Circuit del Sakhir (Youtube: canale Mitsos1311)

Un allungo conduce a curva 6 (un curvone a destra molto lungo), dopo la quale ecco la frenata di curva 7 (a sinistra e praticamente a gomito), seguita subito dopo da curva 8 (a destra). In accelerazione piena si percorre curva 9 (niente più di una semicurva), tornando sul tracciato classico in corrispondenza dell’uscita di curva 13. Percorso il rettilineo di ritorno, c’è l’ultima curva (a destra), divisa in due parti (curva 10-11), per poi ritrovarsi sul traguardo.

F1 GP SAKHIR 2020: IL PRONOSTICO

Contrariamente alle attese, la seconda gara in back-to-back al Sakhir riserverà molti elementi di interesse, visti anche gli sviluppi delle ultime 48 ore. Già l’assenza causa COVID-19 del dominatore assoluto, Lewis Hamilton (prima gara saltata in carriera dal britannico), apre spiragli in più per i rivali, che avranno una grossa occasione per mirare al bersaglio grosso del weekend. Ci riferiamo in particolare a Valtteri Bottas, che eredita da Lewis la palma di favorito #1, anche e soprattutto visto il layout sul quale si gareggerà, che dovrebbe esaltare, se ce ne fosse bisogno, le qualità motoristiche della W11.

George Russell sostituirà Lewis Hamilton in Mercedes nel GP del Sakhir (foto da: twitter.com/MercedesAMGF1)

Bottas, però, è costretto a vincere anche per altri due motivi. In primis per il pilota che si ritroverà come compagno di box, quel George Russell che attende da tempo la propria occasione nel team di Brackley e che è stato acclamato quasi a furor di popolo per sostituire l’illustre connazionale. Il finlandese dovrà per forza di cose far meglio di Russell (e possibilmente con distacco), pena veder scendere ulteriormente le proprie quotazioni, già inficiate da un 2020 deludente. Il 22enne di King’s Lynn, a sua volta, ha un’occasione d’oro non solo per cogliere i primi punti iridati, ma potenzialmente anche per giocarsi il primo podio e, perché no, anche la prima vittoria.

Collegato al discorso Bottas c’è Max Verstappen. L’esito del GP del Bahrain ha rimesso in discussione il 2° posto nella classifica piloti, con il nativo di Nastola a precedere l’olandese di 12 punti (201 a 189); pochi, considerando i 4 ritiri contro 1 a danno di Max. Nel corso della stagione, varie volte Verstappen è arrivato avanti al rivale, o gli ha messo comunque pressione; senza Hamilton, l’occasione per provare a cogliere la seconda vittoria stagionale, pur ribadendo il fatto che la W11 sarà comunque la favorita, anche in confronto alla RB16, è ghiotta

Mai come in questa occasione, il pacchetto di mischia degli outsider anche per il gradino più basso del podio è davvero ricco. Detto di Russell, tra i papabili non può non rientrare Alexander Albon, reduce dal 3° posto di domenica, pur arrivato grazie al ritiro di Sergio Perez. A proposito di Checo, lui e la Racing Point, con anche Lance Stroll da non sottovalutare, sono probabilmente i terzi incomodi questo weekend, con la seria possibilità di riscattare la recente delusione e andare all’attacco nelle due classifiche. In quella Piloti, il messicano è 5° (100), a -2 da Daniel Ricciardo (102) e con un +2 su Charles Leclerc (98); in quella Costruttori, invece, la Racing Point è 4° (154), a -17 dalla McLaren (171) e con un +10 sulla Renault (144).

Max Verstappen, durante la gara di domenica scorsa in Bahrain (foto da: twitter.com)

Proprio le scuderie di Woking (con Lando Norris e Carlos Sainz reduci dal 4° e 5° posto ottenuto nel GP del Bahrain) ed Enstone dovrebbero essere quasi certamente della partita, con il già nominato Ricciardo chiamato a difendere la 4° posizione nel Mondiale Piloti. A Monza, la McLaren si giocò la vittoria fino all’ultimo metro, e anche la Renault fu competitiva; e se guardiamo al Gran Premio d’Italia, non può escludersi dal novero anche l’AlphaTauri, che nel Parco Reale centrò un’incredibile successo con Pierre Gasly.

E la Ferrari? Purtroppo, visti i limiti enormi sotto l’aspetto della power unit della SF1000, questo si candida ad essere il peggior weekend stagionale per la Scuderia. Già domenica scorsa il punticino raccolto da Leclerc è arrivato solo grazie al ko di Perez; stavolta bisognerà far tutto per evitare una figuraccia. Ovvio, quindi, che gli obiettivi nelle due classifiche diventino pressoché utopistici; ed altrettanto ovvio sarà il fatto che le altre due scuderie motorizzate Ferrari, Alfa Romeo e Haas (che non avrà Romain Grosjean, il quale farà di tutto per tornare in tempo per Abu Dhabi), rischiano di ritrovarsi a battagliare tra loro per evitare gli ultimi posti, con anche la Williams che potrebbe passare davanti, pur senza Russell.

F1 GP SAKHIR 2020: ORARI TV

Come il Gran Premio del Bahrain della scorsa settimana, anche il Gran Premio del Sakhir sarà visibile in diretta esclusiva su Sky e in differita su TV8, con Qualifiche e Gara che si disputeranno rispettivamente alle 15 di sabato e alle 15.10 di domenica.

F1 GP SAKHIR 2020 SKY (Diretta Esclusiva)

Venerdì 4 Dicembre 2020

Prove Libere 1 14:30 – 16:00
Prove Libere 2 18:30 – 20:00

Sabato 5 Dicembre 2020

Prove Libere 3 15:00 – 16:00
Qualifiche 18:10

Domenica 6 Dicembre 2020

Gara 18:10

F1 GP SAKHIR 2020 TV8 (Differita)

Sabato 5 Dicembre 2020

Qualifiche 19:30

Domenica 6 Dicembre 2020

Gara 19:10

F1 GP SAKHIR 2020: PNEUMATICI E METEO

La Pirelli mette a disposizione dei piloti la stessa combinazione di mescole vista la scorsa settimana per il Gran Premio del Bahrain, ovvero C2 (Hard), C3 (Medium) e C4 (Soft). Pirelli, oltre alle elevatissime velocità medie di percorrenza (si ipotizza oltre i 230 km/h), sottolinea che questa configurazione dovrebbe essere meno severa con gli pneumatici rispetto a quella tradizionale. Inoltre mancherà la variante delle sessioni disputate ancora con il sole, dato che anche PL1 e PL3 si terranno quando il buio l’avrà già fatta da padrone.

L’infografica della Pirelli sull’Outer Circuit del Sakhir, layout che la Formula 1 userà questo weekend (foto da: twitter.com/pirellisport)

Passiamo ora al meteo previsto nel weekend. Cielo sereno nella giornata di venerdì, con vento moderato e temperature che al massimo dovrebbero aggirarsi sui 24-25 C°. Sereno o poco nuvoloso, invece, nella giornata di sabato, con vento più debole e temperature sui 25-26 C°. Un occhio a domenica: si prevede cielo nuvoloso nella serata del Sakhir, con la possibilità anche di qualche goccia di pioggia (tra il 30 ed il 50%); il vento viene dato in rinforzo, mentre le temperature dovrebbero superare di poco i 20 C° (22 C°).

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo