F1, Monisha Kaltenborn: “L’esordio di Giovinazzi ci ha sorpreso molto”

Pur se è stato catapultato sulla Sauber C36 solo il sabato mattina, potendo fare solo un’ora di libere prima di cimentarsi in qualifiche e gara, Antonio Giovinazzi ha ben impressionato nel suo esordio, che lo ha visto concludere la gara in 12° posizione, dopo aver sfiorato la Q2 in qualifica, arrivando vicinissimo al team-mate Ericsson. Con le sue quotazioni per sostituire Wehrlein anche in Cina in rialzo, anche il team principal del team elvetico, Monisha Kaltenborn, ha fatto i complimenti al pilota di Martina Franca.

Antonio Giovinazzi, durante il suo debutto iridato a Melbourne (foto da: corriere.it)

“Sicuramente ci ha sorpreso, essendo il suo debutto” – dice la manager indiana ad Autosport.com – “Vero, ha fatto dei test, provando le Pirelli al volante della Ferrari. Ma non ha avuto il tipo di test che hanno effettuato altri piloti (il riferimento a Stroll è tutto fuorchè casuale…). E’ stato impressionante“.

Ha avuto un’ora di libere a disposizione, e ha fatto delle ottime qualifiche. La sua gara non è stata semplice, anche perchè all’inizio ha spiattellato uno pneumatico. E’ riuscito comunque a mostrare il potenziale della vettura, nonostante le difficoltà“, continua la Kaltenborn, che poi sottolinea il fatto che, grazie alla Ferrari, Giovinazzi è considerabile come il pilota di riserva della Sauber. Pur se l’obiettivo è il recupero di Wehrlein: “Vogliamo che torni in forma, è uno dei nostri titolari. Anche se al momento siamo coperti nella posizione del terzo pilota, per cui non dobbiamo fare nient’altro“.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo