F1, Kevin Magnussen: “L’addio di Dennis? La McLaren può beneficiarne”

Le dimissioni di Ron Dennis da CEO e presidente del McLaren Technology Group, negli ultimi tempi, hanno fatto discutere molto. Nell’argomento, si inserisce anche l’attuale pilota della Renault e futuro Haas, Kevin Magnussen. Il danese, nel 2014, esordì in Formula 1 proprio con la McLaren, su spinta di Ron Dennis. Poi, lo scorso anno, nel giorno del suo compleanno, Kevin venne appiedato con una banale mail.

Kevin Magnussen durante la sua gara d'esordio in Australia, nel 2014. Con la squalifica di Ricciardo, riuscì ad agguantare un magnifico 2° posto (foto da: speedsport-magazine.com)
Kevin Magnussen durante la sua gara d’esordio in Australia, nel 2014. Con la squalifica di Ricciardo, riuscì ad agguantare un magnifico 2° posto (foto da: speedsport-magazine.com)

Ron era il mio capo e io ho guidato per loro” – dice il danese – “Il mio addio alla McLaren non credo sia dipeso da lui, ma da altro. Se anche lui sia stato in qualche modo responsabile, non è stato lui a scegliere. Per questo non ho nulla contro di lui. Per la McLaren, però, credo sia un bene poter respirare un pò di aria nuova“.

Ciò che sta accadendo in questo momento fa pensare in positivo” – prosegue Magnussen – “L’arrivo di una persona come Zak Brown è estremamente interessante, sia dal punto di vista commerciale che in una prospettiva di marketing“.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo