F1, Ferrari: in Australia sotto la lente d’ingrandimento il marchio ‘Mission Winnow’

Mancano esattamente 37 giorni al semaforo verde del Gran Premio d’Australia di Melbourne, prova d’apertura della stagione 2019 di Formula 1. Sulla Ferrari, per la precisione sull’iniziativa della Phillip Morris che ne svolge il ruolo di title sponsor, ovvero Mission Winnow, si addensano delle nubi legali.

Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen nel weekend di Suzuka 2018, in posa con la nuova livrea della Rossa, denominata Mission Winnow, della Philip Morris International (foto da: twitter.com/ScuderiaFerrari)

Sebbene la società statunitense abbia sin dal primo momento, cioè alla presentazione durante il weekend del Gran Premio del Giappone di Suzuka dell’Ottobre scorso, affermato che l’iniziativa fosse sottesa a finalità completamente diverse dalla promozione delle classiche sigarette, in Australia c’è chi la pensa diversamente, ipotizzando un utilizzo di questo logo e dei suoi colori sulla Ferrari (livrea della monoposto e tute dei piloti) per fini di pubblicità occulta.

Stando infatti a quanto riportato dal quotidiano The Age, le autorità australiane, nello specifico il dipartimento federale della sanità e l’autorità australiana per le comunicazioni e i media, hanno avviato un’indagine in proposito, stante il divieto assoluto di pubblicità di marchi del tabacco previsto dalla legislazione locale (e non solo, com’è noto). Il quotidiano, inoltre, rivela che già al momento del lancio dell’iniziativa, quattro mesi fa, le autorità dello Stato Victoria, del quale Melbourne è la capitale, aprirono un’indagine simile, in seguito alla trasmissione della gara.

Questa iniziativa non ha nulla a che fare con le auto di Formula 1, questo è sicuro“, attacca John Cunningham, un medico chirurgo e attivista per la campagna contro il fumo. Questa la replica di un portavoce della Phillip Morris: “La casa madre di Philip Morris Australia, Philip Morris International, e Scuderia Ferrari hanno una partnership globale, interamente gestita fuori dall’Australia“.

Sul sito dell’iniziativa Mission Winnow, specifica ancora la Phillip Morris: “L’industria del tabacco è uno spazio altamente regolamentato e rispettiamo sempre le leggi applicabili alle nostre attività” – vi si legge – “Questa campagna non è diversa e rispetta tutte le leggi applicabili, ad esempio quelle relative alla pubblicità e alla promozione dei prodotti del tabacco. La campagna non pubblicizza o promuove alcun prodotto di marca“.

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo