F1 Felipe Massa: “La Ferrari è sempre casa mia, ma dovevo andarmene due anni prima”

Archiviata la sua carriera come pilota di Formula 1, Felipe Massa ha cominciato a rianalizzare la sua storia nel Circus. Innanzitutto con la Ferrari, il suo grande amore, un rapporto rielaborato nel corso di un’intervista rilasciata alla Repubblica.

Non c’è nessuno che mi stia assolutamente sul cazzo” – dice schiettamente il brasiliano – “Magari non sono amico di qualcuno. Con Fernando, ad esempio, non siamo andati d’accordo. Dalla Ferrari dovevo andarmene con un paio d’anni d’anticipo, visto che non ero più felice di recarmi a Maranello. Fernando aveva un potere incredibile e io non avevo alternative“.

Felipe Massa, ormai ex pilota di Formula 1 (foto da: gazetaesportiva.com)
Felipe Massa, ormai ex pilota di Formula 1 (foto da: gazetaesportiva.com)

La Ferrari è casa mia, visto che ci sono stato per tanti anni” – sottolinea Felipe – “Ho conosciuto tante Ferrari, quella di Schumacher e Ross Brawn, quella di Domenicali, vivendo epoche fantastiche ed altre molto difficili. E’ stato bellissimo far parte di questa storia. Michael è sempre stato un tipo strano. Aveva, in quel periodo, un sacco di fisse, amava l’adrenalina. Aveva preso tutti i brevetti per il lancio con il paracadute e continuava a lanciarsi. Io ero terrorizzato anche solo a sentirlo raccontare“.

In Williams ho trovato un ambiente super, il posto giusto dove andare” – conclude il pilota paulista – “Me ne sono accorto subito. Quando ho lasciato la Ferrari ero spaventato. Poi sono arrivato in Williams e ho scoperto che c’era vita fuori Maranello. Adesso esco dalla Formula 1 e scommetto che c’è vita anche al di fuori del Circus. Forse scopro che è anche meglio“.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo