F1 Brasile 2019, le dichiarazioni di Verstappen ed Albon dopo la gara

Nel caos del Gran Premio del Brasile 2019, un nome s’è stagliato su tutti, quello di Max Verstappen. L’olandese ha colto l’8° vittoria in carriera, 3° stagionale, al termine di una gara pressoché perfetta dopo la splendida pole di sabato, condita anche da due bei sorpassi (sopratutto il secondo, alla ripartenza dopo la Safety Car provocata dallo stop di Valtteri Bottas) ai danni di Lewis Hamilton. Una festa, quella della Red Bull e della Honda, che poteva dirsi completa grazie alla bellissima prestazione di Alexander Albon, autore anche di un bel sorpasso (e annessa difesa, molto dura) su Sebastian Vettel, fino al contatto con Hamilton al Bico de Pato nel corso del penultimo giro; con la macchina in testacoda sull’erba, Albon è ripartito ma ha chiuso 14° e deluso per aver perso la possibilità di centrare il primo podio in carriera.

Il podio del Gran Premio del Brasile 2019. Lewis Hamilton, 3° al traguardo, verrà poco dopo sanzionato, cedendo il trofeo a Carlos Sainz (foto da: twitter.com/redbullracing)

Così Max Verstappen: “Questa vittoria mi regala una sensazione pazzesca e tutto ciò è frutto del duro lavoro del team. È stata una gara folle, con tanto spettacolo e belle battaglie. Io, fortunatamente, sono sempre stato in grado di contrattaccare e di superare Hamilton, ogni qual volta me lo sono trovato davanti. Non è stato facile, ma il team ha sempre fatto le scelte giuste, soprattutto alla fine, quando mi hanno montato le soft in occasione dell’ultima Safety Car, mettendomi definitivamente nella condizione di vincere“.

Come team si cerca sempre di svolgere un lavoro perfetto, ai box e con la strategia, mentre io mi concentro al 100% sul mio lavoro. Oggi abbiamo raggiunto tutti i nostri obiettivi” – prosegue l’olandese – “È fantastico vincere qui ad Interlagos, soprattutto pensando a quello che è successo un anno fa. Ma lo è anche perché tutto ha funzionato alla perfezione, compreso il propulsore Honda. Voglio davvero ringraziare tutti di cuore. Albon? È un gran peccato che non sia potuto salire sul podio con me, avrebbe completato la festa. Ma sono anche contento per Pierre e per la Toro Rosso“.

Sono frustrato e deluso, ma non arrabbiato. Volevo quel podio, me l’ero meritato” – spiega Alex Albon – “Alla ripartenza dalla Safety Car mi sono divertito tanto nel combattere con la Ferrari di Vettel, effettuando un bel sorpasso. Dopo l’altra Safety Car era palese che Lewis aveva molto più grip di me dopo la sua sosta, ma credevo mi attaccasse in curva 1. Alla peggio pensavo che saremmo finiti in 3° posizione“.

La festa nel box Red Bull dopo la vittoria di Max Verstappen ad Interlagos (foto da: twitter.com/redbullracing)

Ero abbastanza avanti a lui e non ero molto preoccupato; poi ho impostato la curva per coprire la sua traiettoria e non lasciargli opportunità di infilarsi. Peccato che Lewis ci abbia provato lo stesso e ci siamo toccati. Non l’ha fatto apposta chiaramente, sono cose che succedono” – conclude l’anglo-thailandese – “Noi dobbiamo concentrarci sui tanti aspetti positivi di questo weekend. Ah, ovviamente complimenti a Max, che ha guidato benissimo e meritato di vincere“.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

15€ Bonus Benvenuto Scommesse al Deposito

Fastbet

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo