F1 2019 Gp del Canada, dichiarazioni di Vettel e Leclerc dopo le qualifiche

E’ terminata la seconda giornata del weekend in Canada, quella dedicata alle qualifiche. La Ferrari ha molto da festeggiare, visto che i suoi due piloti partono nelle prime tre posizioni, Vettel primo, Leclerc terzo. 
Il tedesco Vettel festeggia la prima pole position quest’anno.
Fonte: Twitter Vettel

Questo aspetto conferisce loro un vantaggio non da poco in vista della gara di oggi. Anche se il pilota tedesco, alfiere del team, rimane con i piedi per terra. Non si fida di questi progressi, vuole che siano confermati anche nel momento decisivo. Il rivale Hamilton è secondo, mentre il suo compagno di squadra Bottas è un più attardato, in sesta posizione:

“Sono molto tedesco, non voglio esagerare con le esaltazioni ma al tempo stesso non mi abbatto troppo quando le cose non vanno. Sicuramente questa è stata una grande giornata, sono contento del risultato ma dobbiamo tenere i piedi per terra perché abbiamo ancora tanto lavoro davanti a noi. Per oggi, però, sono felice per la squadra, abbiamo fatto qualcosa di eccezionale. Sarebbe stato bello avere anche Charles in prima fila con me, però dopo le ultime settimane è molto positivo un risultato come questo ed è importante essere lì quando c’è un’opportunità, sperando che domani ce ne sia un’altra”.

Vettel è da diverso tempo che non otteneva la pole position in un gran premio, ovvero dal Gp di Germania dello scorso anno. E’ contento di partire con le gomme tipo Medium subito e preservare le Soft per i giri successivi. E’ comunque molto difficile sapere cosa accadrà. 

Leclerc durante il giro lanciato sul circuito di Montreal.
Fonte: Twitter Leclerc

Il suo compagno di squadra Leclerc si rammarica del lungo avvenuto al tornantino del Casinò che ha relegato il pilota in terza posizione:

“Ho commesso diversi errori, ma anche senza non credo che sarei stato in grado di battere Seb e Lewis. In Q1 il feeling era buono, poi è andato via via peggiorando, devo migliorare nel settare la macchina più per il Q3 che per il Q1 e anche nel leggere l’evoluzione della pista”.

Se ci sarà l’opportunità di superare Hamilton non se la farà sfuggire, ma senza prendere rischi inutili come in queste qualifiche.

Lorenzo Carrega

Informazioni sull'autore
Giornalista Pubblicista. Esperienze in ambito giornalistico locale, non solo di sport, ma anche di cultura e tempo libero. La scrittura è la mia passione
Tutti i post di Lorenzo Carrega