F1 2018 GP Gran Bretagna, Vettel: “Vittoria fantastica, bel duello con Bottas”

A distanza di sette anni, la Ferrari torna a trionfare nel tempio di Silverstone. Una vittoria assolutamente inattesa, viste le premesse pre-weekend, ma assolutamente meritata per Sebastian Vettel, al 51.esimo successo in carriera, agganciando un altro quattro volte Campione del Mondo, Alain Prost. Un Vettel che, dopo aver bruciato al via Hamilton, ha provato la fuga per poi gestire, senza farsi prendere dal panico quando, a causa delle Safety Car, si è ritrovato dietro Bottas.

Il podio del Gran Premio di Gran Bretagna 2018 a Silverstone (foto da: twitter.com/ScuderiaFerrari)

Con le Soft nuove, a fronte delle Medium usate del pilota Mercedes, Seb infila ai -5 il rivale con un gran sorpasso, involandosi verso un trionfo che lo manda a +8 su Lewis. Bella gara anche per Kimi Raikkonen, pur con la macchia del contatto al via con l’idolo di casa; manovra che gli costa 10″ di penalità al pit stop e la necessità di dover ricostruire la gara daccapo. Un Raikkonen pimpante che, dopo un bel duello con Verstappen, artiglia il podio con un ottimo sorpasso all’esterno alla Brooklands sul connazionale della Mercedes.

SEBASTIAN VETTEL (VINCITORE) –Ero sicuro che oggi ci fossero le possibilità per avere una bella gara e, di conseguenza, una bella giornata. Pensavo anche che la partenza potesse essere una fase molto importante di questo weekend di gara. La Safety Car ha reso la corsa è diventata più difficile, ma sono felice in primis per la squadra” – esordisce un raggiante Vettel – “Porteremo la bandiera inglese a Maranello con tanta gioia e un grande sorriso. Alla fine, il duello con Valtteri è stato bello e sono stato felicissimo di averlo terminato in questo modo“.

Siamo in una fase nella quale è fondamentale che la macchina vada bene, che vada forte. Penso che i nuovi aggiornamenti che abbiamo portato qui abbiano funzionato molto bene, e la monoposto è stata veloce nell’arco di tutto il weekend” – aggiunge il tedesco – “Già in qualifica la SF71-H è stata molto forte, più lenta della Mercedes di Lewis solo per pochi millesimi. In gara invece è stata grande. Il primo stint è stato complicato, perché forse ho spinto troppo all’inizio; ma alla fine abbiamo vinto e sono molto contento“.

Vettel torna quindi sul sorpasso a Bottas: “Una manovra davvero al limite. Difficile sicuramente, perché le Mercedes sono molto forti sul rettilineo. E’ uno dei motivi per il quale è dura quando sei dietro a loro, anche perché si perde un po’ di carico aerodinamico. Ma con le gomme Soft è stato possibile tentare l’attacco e passare. Sono molto contento per tutta la squadra, per la gente che lavora a Maranello e anche per me“.

KIMI RAIKKONEN (3° a +3.652) –L’incidente con Lewis è stata colpa mia. Ho bloccato l’anteriore destra mentre lui mi stava chiudendo la porta e gli sono andato addosso. Mi dispiace molto e ovviamente sono deluso per tutto ciò” – spiega il finnico – “I commissari hanno deciso di punire la mia manovra, ho pagato lo sbaglio, accetto tutto e andiamo avanti. C’è da dire che non capisco il metro di giudizio. A volte danno 5 secondi di penalità, a me ne hanno dati 10… Dispiace molto perché senza quel mio errore non sarei stato sanzionato e probabilmente avrei potuto finire in una posizione migliore“.

Ho lottato e combattuto per recuperare, soprattutto con le Red Bull. Ho faticato parecchio quando mi avvicinavo perché perdevo stabilità, nonostante fossi più veloce. Alla fine sono riuscito a passarli e poi ho raggiunto le Mercedes” – continua Raikkonen – “Ho dato tutto e spero che la squadra sia contenta di quanto ho fatto“.

La macchina era forte e l’abbiamo dimostrato. Sicuramente ci sono ancora dettagli da migliorare, ma il risultato finale non è quanto potevamo ottenere realmente, e ci dobbiamo accontentare. Le cose non sempre vanno come ti aspetti. Dopo il primo giro, ho comunque superato diverse macchine e siamo usciti bene da una situazione complicata“, ha terminato il Campione del Mondo 2007.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo