Esclusiva Stadiosport – Luciano Zauri: ”Var? Deve migliorare. Scudetto? Juventus favorita”

In esclusiva per la redazione StadioSport, abbiamo intervistato un ex calciatore di Serie A: Luciano Zauri. Atalanta, Chievo, Lazio, Fiorentina, Sampdoria e Pescara, queste sono le maglie indossate dall’ex terzino. A gennaio spengerà 40 candeline e come desiderio, ha quello di allenare, infatti dopo l’ultima parentesi a Pescara, ha prima allenato la Beretti degli abruzzesi e poi è diventato collaboratore tecnico.

Buonasera, cosa ne pensa del Var, è utile o necessità di miglioramenti?
“Buonasera, sono assolutamente a favore perché non è possibile fare un goal di mezzo metro dentro e non vederlo convalidato. Certo non è bello vedere tutte queste interruzioni di gioco e numerosi calciatori intorno all’arbitro, quindi sono assolutamente a favore ma necessita ancora di qualche piccolo miglioramento”.

Lei ha giocato in tante squadre, qual è la squadra dove si è sentito a casa e qual è il ricordo migliore che porta.
“Sicuramente la prima squadra in cui ho giocato: l’Atalanta, dove ho giocato per 13 anni tra settore giovanile e prima squadra. E poi c’è la Lazio che è la squadra che mi ha portato nel calcio che conta per la quale ho giocato per cinque anni consecutivi prima di tornarci per un altro anno e mezzo, per cui direi queste due squadre: Atalanta e Lazio”.

Proprio queste due squadre dove possono arrivare in Europa League?
“La Lazio ha un potenziale sicuramente diverso e può arrivare fino in fondo. Il problema sta nel fatto che la rosa non è propria lunga, quindi aggiungendo campionato, Coppa Italia e infortuni a lungo andare può avere qualche problema. L’Atalanta dal canto suo sta andando alla grande perché non ha nulla da perdere e sta giocando benissimo. Le auguro di passare il turno e poi vediamo cosa succederà”.

E in Italia la favorita allo Scudetto resta la Juventus?
“Dico di sì guardando il passato recente, poi chiaramente le altre di sono rinforzate e il divario è diminuito ma la favorito resta la Juventus”.

Dopo l’esperienza come collaboratore lo scorso anno a Pescara, lei è fermo. Cosa ha in programma per il futuro?
“Ho appena conseguito il Master a Coverciano quindi ho tutto per allenare la massima categoria. Sono nello staff tecnico di Oddo e in questo momento siamo fermi, ma aspettiamo la chiamata giusta per ripartire”.

Per concludere volevo che spendesse due parole dando un consiglio a tutti i giovani che sognano di diventare calciatori.
“Io sono stato un calciatore qualche anno fa e ho vissuto un calcio diverso da come è oggi, senza social network, telefonini e WhatsApp. Il consiglio che posso dare e di vedere meno televisione e pensare di più alle cose reali. È importante avere alle spalle una famiglia che segua questi ragazzi, che è la base per un buon futuro, ma spesso arriva anche chi non ha una famiglia solida dietro. Il consiglio è di avere la testa sulle spalle sempre”.

Teo Carlucci © Stadio Sport

Riproduzione consentita solo previa citazione della fonte Stadiosport.it

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

15€ Bonus Benvenuto Scommesse al Deposito

Fastbet

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Teo Carlucci

Informazioni sull'autore
Nato a Foggia il 19/12/1997, studente di Scienze delle Attività Motorie e Sportive all'Università degli studi di Foggia, sono un amante del calcio e dello sport in generale. Tifoso dei colori della mia città e dell'Inter, ambisco a diventare un giornalista sportivo a livello nazionale.
Tutti i post di Teo Carlucci