Empoli-Napoli, 2-1, voti e pagelle: azzurri distratti e poco incisivi, ottima prestazioni dei toscani

Il Napoli cade a Empoli rimediando la quinta sconfitta in campionato. Restano così 18 i punti di svantaggio degli azzurri nei confronti della Juventus, ormai ad un passo dalla matematica conquista dell’ottavo scudetto consecutivo. Trionfa un ottimo Empoli che riapre di fatto i giochi nella parte bassa dalle classifica, alzando la quota salvezza. Nel primo tempo vantaggio di Farias e pareggio di Zielinski. Ma i toscani disputano un eccellente secondo tempo e Di Lorenzo firma la rete che vale tre punti d’oro.

Voti e pagelle

EMPOLI

Provedel 6 – Sul tiro di Zielinski qualche responsabilità ce l’ha, poi il Napoli praticamente non arriva più alla conclusione e lui ringrazia la sua difesa super-ermetica. 

Maietta 7 – Sul centro-destra superarlo è davvero difficile, gioca una gara di grande applicazione tattica e di straordinaria attenzione. E peccato per quella straordinaria discesa libera al 65′, che lo fa arrivare al tiro in porta ma, stremato, la spara troppo alta. Sarebbe stato il gol del secolo. 

Silvestre 6,5 – Guida un reparto che gioca una gran gara, concentratissimi e determinati a non far passare il Napoli. Prestazione di grandissimo spessore. 

Veseli 6,5 – Sulla conclusione di Zielinski “copre” la visuale di Provedel, ma nel complesso sfodera anche lui una partita notevolissima.  

Di Lorenzo 7,5 – L’asse di destra è sempre molto pericoloso, da lì nasce anche l’azione (orchestrata da Farias e Caputo) che al 37′ rischiava di portare l’Empoli 2-0. Poi trova la gioia personale con un inserimento da calcio d’angolo, di testa, giusto per ampliare un po’ il repertorio. Costante nella spinta e nell’apporto agli attaccanti, arriva a mille fino alla fine. Altra perla di una stagione ben sopra le righe. 

Traore 7 – Esce alla distanza, questo ragazzino che sta rubando la scena al punto di essere stato già preso dalla Fiorentina per giugno. Ma esce alla grande. Discreto dinamismo, buona sostanza, ottimo palleggio. Da tenere d’occhio. 

Bennacer 7 – Piede caldo, regia concreta e di personalità. Sua anche la scorribanda che poi va a scaricare il pallone sul piede di Farias per l’1-0. Un gran bel prospetto: non è un caso che piaccia a diverse big, Napoli compreso. 

Krunic 6,5 – Un ottimo primo tempo, con tanto peso anche offensivo sull’asse di centro-sinistra. Poi sente tirare l’adduttore, prova a stringere i denti, ma ormai il danno è fatto. Speriamo non sia un danno troppo grave. Dal 40′ Brighi 6 – Entra molto male in campo, ha qualche responsabilità diretta sulla mancata marcatura a Zielinski sull’1-1 e ad inizio ripresa perde un pallone drammatico al limite dell’area. Poi Milik simula, ma se aveva il pallone buono erano guai. Cresce alla distanza. 

Pajac 6,5 – Parte con un attimo di ritardo sul gol di Zielinski, appoggia bene gli attaccanti ma ha qualche problema di troppo nel contenere le scorribande avversarie. Ma tutto sommato è positiva anche la sua gara. Dal 92′ Antonelli s.v.

Farias 7 – Ha il merito di sbloccare il match, con la collaborazione di Zielinski che la devia col braccio. Ottima l’azione in percussione dalla sinistra, coraggiosa la conclusione immediata, premiata poi dal gol. 

Caputo 6 – Al 37mo del primo tempo ha l’occasione giusta per chiudere la gara, impatta anche bene il pallone ma lo tira addosso a Meret, che pure era uscito molto bene. Ne sbaglia un altro nella ripresa, neutralizzato sempre da Meret, ma non si può dire che non faccia il suo. 

All. Andreazzoli 7,5 – All’andata la sconfitta del San Paolo gli era costata il posto, ma in questa gara di ritorno si prende una gran bella rivincita. Il suo Empoli è compatto, si chiude benissimo e riparte alla grande, tiene un ritmo forsennato per oltre 90 minuti e strappa una vittoria di platino. Ora per la salvezza può riaprirsi tutto. 

NAPOLI 

Meret 6 – Spiazzato sul tiro di Farias deviato da Zielinski, beffato sul suo palo dalla zuccata di Di Lorenzo, ma da qui a dire che sia tutta colpa sua ce ne passa. Anzi, nel finale salva un paio di volte i suoi dal tracollo, al 75′ con un paratone su Caputo che fa il paio con quello del primo tempo. 

Malcuit 5 – Meno spinta del solito, parecchia sofferenza anche in fase difensiva. Molto meno bene che in altre uscite, dove aveva convinto al 100%. Il cambio non è soltanto una scelta tattica, ma anche tecnica. Dal 76′ Verdi 5,5 – Pochi minuti, è vero, ma anche lui entra parecchio male in partita. 

Koulibaly 5 – Sarà semplicemente una serata-no, sarà la vicinanza di Luperto da “guidare”, fatto sta che non è per nulla il Koulibaly di sempre. Errori marchiani, alcuni davvero elementari, sembra di vedere il suo fratello scarso. 

Luperto 5,5 – La difesa balla tantissimo, non ha responsabilità dirette sulle due segnature empolesi ma è comunque coinvolto in una serata un po’ così. 

Mario Rui 5 – Nel primo tempo dà un ottimo apporto in fase di spinta, poi nella ripresa perde anche la spinta e subisce in entrambe le fasi. Gara da dimenticare anche per lui. 

Callejon 5,5 – In una partita negativa per il Napoli chi viene meno per primi sono proprio i senatori. Lui non fa eccezione, senza errori da matita blu ma senza mai dare il consueto apporto alla manovra offensiva. Chiude da terzino, a certificare il suo innato spirito di sacrificio. 

Allan 5 – Approccia male la gara, molto approssimativo sul gol di Farias, è lui a perdersi Di Lorenzo sul 2-1. Una partitaccia. A volte capitano anche a lui. 

Zielinski 6 – Un po’ approssimativo nella chiusura su Farias in occasione dell’1-0, ma poi si fa perdonare alla grandissima a un minuto dal 45′. Palla a 30 metri sul destro, che non è il suo piede, o meglio non lo sarebbe: il siluro che gli parte via direbbe l’esatto contrario. Un diamante in una partita per niente all’altezza della situazione, per tutta la squadra. Voto alto solo per il gol. 

Younes 5 – Vivace, cerca di accentrarsi e ad andare alla conclusione, ma è controllato molto bene e finisce per bagnare le polveri. Molto più incisivo nelle uscite precedenti, e stasera ha anche un po’ diluito l’inverosimile media gol/tiri (2/3) che aveva finora. Prima o poi una battuta a vuoto doveva esserci. Dal 57′ Fabiàn 5 – Entra un po’ molle, perde parecchi palloni, sbaglia diversi passaggi. Tutte cose non da lui, che proprio qualche giorno fa contro la Roma era stato fra i migliori. Non un grande apporto alla causa. 

Ounas 4,5 – Svogliato, poco coinvolto nel gioco della squadra. Gioca o troppo vicino a Milik o troppo lontano, non riesce mai a trovargli le misure giuste. Le sue sortite estemporanee possono spaccare la partita, ma quando non ci sono è praticamente un uomo in meno. Dal 57′ Mertens 5,5 – Qualche spunto ce l’ha pure, ma col passare dei minuti diventa sempre più velleitario e anche lui si perde nella serataccia dei suoi. Peccato, forse dal 1′ sarebbe stato più incisivo. 

Milik 5 – Ci provano in qualsiasi maniera, a mandarlo a bersaglio, ma stasera trova tutto chiuso, complice anche una difesa empolese mai così ermetica. 

All. Ancelotti 5 – Napoli distratto e poco incisivo in avanti. Di fronte c’era una squadra che imbrocca la partita della vita, ma il Napoli in campo è sfilacciato e poco coinvolto e a “tradirlo” sono proprio i senatori. Ma è una battuta d’arresto che deve far riflettere, soprattutto sulla questione ampiezza della rosa. Mancano alcune pedine-chiave anche in panchina, problema a cui si cercherà di ovviare nel prossimo mercato. Almeno si spera.

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus