Darmstadt, rescisso il contratto di Ben Hatira: Finanziava un gruppo di estremisti islamici

Una notizia shoccante scuote la Bundesliga.
Anis Ben Hatira, centrocampista del Darmstad è stato licenziato dopo la scoperta dei suoi torbidi movimenti: il calciatore finanziava un movimento estremista di origine islamica a cui era affiliato.
Lo ha reso noto il presidente del club, Rudiger Fritsch, in un’intervista alla Blind in cui ha confermato che il tunisino apparteneva al gruppo ghanese Ansaar International.

Ben Hatire è nato a Berlino nel 1988, aveva partecipato alla spedizione dei 23 che nel 2009 vinse il Campionato Europeo under 21 con la maglia della Germania. Crescendo però scelse la Tunisia, con la quale ha disputato 8 incontri.
Si forma calcisticamente tra prima e seconda squadra dell’Amburgo, con in mezzo le due esperienze al Duisburg, prima di essere acquistato nel 2011 dall’Hertha Berlino.

Poco dopo passo all’Eintracht ed infine Darmstad, società che proprio nella giornata di mercoledì l’ha allontanato rescindendo il suo contratto.
Continua a tener banco emergenza terrorismo in tutta Europa, con la Germania particolarmente interessata e più volte messa in ginocchio.
Soprattutto dopo gli attentati a Berlino al mercato di Natale il panico regna sovrano e tutte le forze sono attente per prevenire ogni sorta di attacco.

Adesso un forte segnale giunge anche dal mondo del calcio, con lo scopo di arginare l’enorme quantità di denaro che finisce nelle grinfie delle pericoloso mani dei terroristi islamici.